Google+

Torture, troppe armi e ribelli fuori controllo: ecco la Libia a un anno dall’inizio della rivolta

febbraio 18, 2012 Leone Grotti

Il 17 febbraio di un anno fa i giovani di Bengasi scendevano in piazza e subivano la repressione del governo di Muammar Gheddafi. Un anno dopo la situazione si è invertita e chi ha appoggiato Gheddafi rischia la morte o la tortura. Gli ex miliziani, che non abbandonano le armi, sono fuori controllo e la Costituzione si ispirerà alla Sharia.

Oggi e domani si festeggia in Libia, a un anno esatto dall’inizio della rivoluzione. Il 17 febbraio dell’anno scorso i ribelli scendevano in piazza a Bengasi per la prima volta per celebrare il “giorno della collera” contro Muammar Gheddafi. Proteste durate otto mesi, passate per una guerra civile sanguinosa, dove a spuntarla sono stati i rivoltosi di Bengasi che, appoggiati dall’intervento della Nato autorizzata ad intervenire il 17 marzo dall’Onu, il 20 ottobre hanno preso Sirte uccidendo il raìs Gheddafi. Da quattro mesi il governo del paese è stato assunto dal Consiglio nazionale transitorio (Cnt), guidato dal suo presidente Mustafa Abdel-Jalil.

Ma la Libia, un anno dopo, non è affatto un paese pacificato. Tra i problemi principali c’è la grande quantità di armi ancora in circolazione, con decine di migliaia di ex ribelli che, invece di tornare alla vita normale, riuniti in brigate presidiano ognuno il suo territorio, occupando lussuose camere di albergo e vivendo nelle ricche case degli ex funzionari del regime. Secondo quanto riporta AsiaNews, ad esempio, l’Università di Tripoli, che ha riaperto da pochi giorni, è ancora una sorta di piazza d’armi e gli studenti sono costretti ad ascoltare le lezioni con a fianco pile di granate, proiettili e fucili mitragliatori.

L’abbondanza di armi non sono l’unico problema della Libia post-Gheddafi. Secondo i rapporti di Amnesty International e Human Rights Watch «le milizie sono al di sopra della legge, non sono giuridicamente responsabili e le autorità non riescono a cambiare le cose». Ogni giorno si inseguono le notizie sulla caccia all’uomo degli ex gheddafiani, le esecuzioni sommarie, le incarcerazioni senza processo e le torture. Come se non bastasse, dalla morte di Gheddafi non si sono mai fermati gli scontri a fuoco tra tribù rivali.

A maggio sono previste le elezioni per l’Assemblea costituente per definire la nuova Costituzione, mentre le elezioni presidenziali e legislative sono in programma entro l’inizio del 2013. La Costituzione, secondo quanto affermato dal presidente del Cnt Jalil, «si ispirerà alla Sharia» e le norme non conformi ad essa saranno modificate: «Per noi prima viene la legge islamica, poi la Costituzione con le sue indicazioni di massima e infine arrivano le leggi specifiche e dettagliate». Ad ogni modo, il vicario di Tripoli Giovanni Martinelli, che ha preferito non rilasciare dichiarazioni per «rispetto alle autorità locali», ha comunque parlato recentemente al quotidiano Avvenire affermando che «i 50 mila cattolici residenti nel paese non corrono pericoli».
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.