Google+

Torino. L’Arcigay aderisce alla marcia contro le persecuzioni religiose. Bene (o quasi)

giugno 10, 2015 Marco Margrita

L’associazione partecipa all’iniziativa appoggiata dalla diocesi, diramando un comunicato un po’ ambiguo

torino-noi-con-voiL’Arcigay aderisce alla marcia “Noi siamo con voi”, contro le persecuzioni religiose nel mondo, che si svolgerà stasera a Torino. Una meritoria iniziativa, dalla piattaforma calibrata per incontrare ampia convergenza, promossa dall’ex consigliere regionale Giampiero Leo, ora vicepresidente del Comitato regionale per i diritti umani. Ufficialmente sostenuta dall’Arcidiocesi, vi parteciperanno anche Ariel Di Porto, rabbino della comunità ebraica cittadina, oltre a rappresentanti di valdesi, luterani, ortodossi, musulmani, induisti, buddisti, mormoni. Una cinquantina le associazioni aderenti. Anche molti esponenti della vasta comunità musulmana a Torino.

Si potrebbe leggerla come buona notizia, la scelta dell’Arcigay, ma… c’è sempre un ma. Spiegando il perché della partecipazione, l’organizzazione lgbt specifica che sarà «sempre a fianco delle lotte per la libertà di espressione e per il diritto delle persone, quand’esse non siano strumentalizzate o usate come copertura di volontà meramente discriminatorie, garantendo convintamente il diritto al pensiero, al dissenso o all’espressione della propria identità o delle proprie convinzioni filosofiche e religiose».

Un distinguo, seppur intinto nel miele, che assume un preciso significato con una semplice sinossi delle espressioni che la medesima organizzazione usa per descrivere le Sentinelle in piedi e tutti quanti si oppongono allo psicoreato di omofobia e a matrimoni e unioni gay, pur chiarendo di non discriminare nessuna persona. Furbesca sintesi tra la doppiezza togliattiana e le strategie del marketing, a pensar male, la scelta di prendere parte alla manifestazione, cui è annunciata la presenza dell’Arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia. Un modo per delegittimare quanti, non sempre compresi negli ambienti da cui provengono, hanno la sola colpa di scendere silenziosamente in piazza contro il “pensiero unico”? Chiederselo è legittimo, certo sperando di sbagliarsi. Ma…


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Ellas says:

    Meglio omofobi con ampie vedute che gayofili con limitata capacità visiva.

    Pensa a 360°. E’ una lama a doppio taglio perchè poi si pensa anche troppo e si rischia di finire in argomenti particolari, ma non guardare solo la trave nell’occhio del tuo vicino, guarda anche la tua.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.