Google+

Torino, agente polizia penitenziara spara al superiore, poi si uccide

dicembre 17, 2013 Chiara Rizzo

È accaduto alle 8 al bar all’interno del carcere di Torino. Ancora da chiarire il movente del gesto: secondo i colleghi l’agente era stressato e temeva un richiamo disciplinare

Sono ancora tutti da chiarire la dinamica e il movente per cui oggi nel carcere torinese Lo Russo Cotugno è stato ucciso l’ispettore di polizia penitenziaria Giampaolo Melis, 53 anni, è stato ucciso dall’agente Giuseppe Capitano, 47 anni, che poi ha tentato il suicidio. Capitano è stato portato in ospedale in condizioni disperate, ma è morto anche lui poco dopo.

TRAGEDIA. La tragedia è avvenuta nel bar del carcere, riservato al personale che vi lavora, intorno alle 8 del mattino. Secondo le prime testimonianze raccolte, Melis era già lì per prendere il caffé, quando ha fatto ingresso l’agente Capitano che nella folla riconosce e si dirige verso il superiore Melis, poi lo avrebbe apostrofato con la frase «Cosa mi state combinando tu e il capo?». Poi ha estratto la pistola e sparato contro Melis diversi colpi all’addome e alla testa. L’uomo è morto immediatamente: intanto Capitano ha usato la pistola contro sé, sparandosi alla gola. È morto in sala operatoria.

RICHIAMO DISCIPLINARE. È da verificare ciò che raccontano i colleghi testimoni della tragedia di stamattina, secondo cui Capitano fosse spaventato di ricevere un provvedimento disciplinare, per motivi ancora da capire. I colleghi hanno raccontato che l’agente viveva un periodo di forte stress, e trascorreva gran parte della sua giornata al lavoro in carcere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana