Google+

Timbuktu nelle mani dei tuareg. Il governo maliano rischia una “guerra tra poveri”

aprile 3, 2012 Redazione

Il fragile governo del Mali fa i conti con l’avanzata tuareg, l’etnia nomade musulmana che sta rivendicano il dominio della regione sahariana. In passato alcuni di loro hanno aiutato Gheddafi nel disperato tentativo di restaurare il controllo in Libia. Dopo la sconfitta, sono tornati a casa con un arsenale ultramoderno, grazie al quale hanno raggiunto e occupato Timbuktu.

I tuareg conquistano Timbuktu. Dopo il colpo di stato dello scorso 21 marzo, dove un gruppo di giovani ufficiali ha spodestato il maliano Amadou Touré, accusandolo di temporeggiare con i ribelli nomadi del deserto, l’etnia musulmana si sta rinforzando. I tuareg sono arrivati a controllare, in circa tre mesi, l’intera regione sahariana del Mali, una zona vasta quanto l’intera Francia. Ieri è caduta anche Timbuktu, la “Regina del deserto”, città che vive di turismo straniero.

I tuareg sono una popolazione nomade musulmana , da sempre in contrasto con i poteri centrali e dedita al mercenariato, che si sposta nei territori maliani del Niger e del Ciad. Alcuni tuareg (circa duemila) hanno sposato la propaganda libica di Gheddafi, che li ha armati per contrastare la crescita dei ribelli. Tuttavia, al crollo del regime, il piccolo esercito ha fatto ritorno dai suoi con un arsenale rinnovato e moderno. Ora il nuovo (e debole) regime golpista dovrà recuperare le zone desertiche, lontanissime dalla capitale Bamako ove risiede il già azzoppato governo. Quella che si prospetta è una guerra tra poveri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana