Google+

The Grey, una lotta contro i lupi per ritrovare se stessi

dicembre 6, 2012 Simone Fortunato

The Grey è un grande thriller selvaggio e fisico con al centro la lotta per la sopravvivenza di un uomo solo contro tutto e tutti. Soprattutto, contro una Natura bestiale e violenta che pare uscita da uno dei capolavori di John Boorman. Ottway (un grande Liam Neeson) lavora per una raffineria di petrolio in Alaska. […]

The Grey è un grande thriller selvaggio e fisico con al centro la lotta per la sopravvivenza di un uomo solo contro tutto e tutti. Soprattutto, contro una Natura bestiale e violenta che pare uscita da uno dei capolavori di John Boorman. Ottway (un grande Liam Neeson) lavora per una raffineria di petrolio in Alaska. È coinvolto in un incidente e con pochi compagni finisce, senza poter chiedere aiuto, nel cuore dell’Alaska a centinaia di chilometri dalla civiltà. Dovrà imparare a sopravvivere guardandosi le spalle dai lupi e non solo da loro.

GHIACCIO E INFERNO. Joe Carnahan dirige un thriller secco e senza fronzoli mettendo l’uno contro l’altro, come in un duello infernale, un carismatico Liam Neeson – davvero in uno dei suoi ruoli migliori – e una Natura ostile, gigantesca, mostruosa in cui si riconoscono le tracce di tanti romanzi di Jack London ed Ernest Hemingway. Il regista californiano, che ha alle spalle buoni film come A-Team, sempre con Neeson protagonista, e soprattutto il torbido noir Narc, confeziona un film in cui tensione e realismo vanno a braccetto sin dalle prime sequenze (quella dell’incidente è molto forte e inaspettata) fino al racconto del tentativo di fuga di Ottway. La confezione è pregevole. La fotografia illumina ambientazioni splendide e inquietanti che immergono lo spettatore in un’avventura nei ghiacci dove, sequenza dopo sequenza, pericolo dopo pericolo, le paure più elementari (il buio, la solitudine, la fame, i lupi) prendono il sopravvento e intaccano le certezze.

REALISMO. La sceneggiatura solida ed essenziale che lo stesso Carnahan trae da un racconto breve di Ian Mackenzie Jeffers aumenta realismo e tensione e ci regala qualche sorpresa: la voce fuori campo di Neeson che ricorda il dolore ancora fresco per la perdita della moglie è forse un richiamo alla vicenda terribile che Neeson ha provato sulla sua pelle quando si è visto portare vita la moglie Natasha Richardson, morta nel 2009 proprio sulla neve per una caduta dagli sci. Neeson combatte la sua battaglia contro gli incubi della moglie morta tra i ghiacci e contro la paura più grande di tutti e che forse tutti abbiamo. Quella di non farcela, di non riuscire a superare il lungo deserto freddo dell’Alaska che è – e questo è davvero il punto di forza del film di Carnahan – un luogo fisico ma anche spirituale in cui è possibile perdersi, rimanere indietro senza che nessuno lo sappia o ci venga in aiuto. Un luogo insomma in cui morire non è mai stato così tragico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.