Google+

Thailandia, il premier scioglie le camere per tentare di placare la protesta dem

dicembre 9, 2013 Chiara Rizzo

In piazza a Bangkok ci sono 150mila manifestanti vicini o appartenenti al Partito democratico e chiedono le dimissioni del governo e la nomina di un Consiglio popolare che prenda le redini del paese

Il premier thailandese Yingluck Shinawatra è stata costretta oggi ad annunciare lo scioglimento delle camere e a indire nuove elezioni del Parlamento, a causa delle proteste massicce in corso in particolare nella capitale Bangkok che si sono susseguite nelle ultime settimane. I manifestanti, che sono riusciti anche ad occupare la sede di alcuni ministeri, ha chiesto con veemenza le dimissioni di Yingluck Shinawatra, ritenuta solamente un burattino del fratello ed ex premier Thaksin Shinawatra, deposto e residente all’estero, da quando è stato condannato per corruzione e conflitto di interessi.

DIMISSIONI DI MASSA. Il portavoce del governo ha annunciato in serata ora locale (in Italia erano le 3 di notte) che le elezioni si terranno il prossimo due febbraio e che il parlamento è sciolto. Intanto in piazza 150mila persone chiedevano per l’ennesima volta non solo che il premier se ne andasse, ma che venisse nominato un Consiglio popolare per assumere le redini del paese. Il partito dei Shinawatra ha vinto tutte le cinque elezioni che si sono tenute a partire dal 2001, e può contare sul sostegno delle classi medio-basse e soprattutto di quelle della popolosa regionare rurale del sud-est. Il principale partito d’opposizione, il Democratico, è guidato da Suthep Thaugsuban, oggi leader delle proteste di piazza, che conta invece sul sostegno della borghesia di Bangkok e dei monarchico-nazionalisti del sud del paese. I deputati del Partito democratico thailandese avevano già presentato le dimissioni di massa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana