Google+

Texas. Giudici ordinano di mantenere in vita Terry Mace, in coma, ma i medici staccano la spina

aprile 8, 2014 Leone Grotti

I genitori avevano chiesto e ottenuto il sostentamento vitale per il figlio, 43 anni. I medici l’hanno negato «ingannando» la famiglia e parlando di “comfort care”

terry-mace-texasTerry Mace, ex sergente di 43 anni del Texas, è morto lo scorso 2 aprile dopo che l’ospedale che lo aveva in cura ha deciso di staccargli i tubi per l’idratazione e l’alimentazione contro il volere della famiglia, alla quale un giudice aveva da pochi giorni affidato la tutela legale dell’uomo.

LASCIATELO MORIRE. Lo scorso 6 marzo Terry Mace è collassato a casa sua, nella città di Killeen, probabilmente per un attacco di cuore. La moglie Yvonne, dalla quale era separato da cinque anni e nel mezzo della causa di divorzio, l’ha raggiunto in ospedale e ha chiesto ai medici di non rianimarlo nel caso di un successivo attacco e di staccargli l’alimentazione e l’idratazione artificiali.

LA BATTAGLIA LEGALE. Informati della decisione, i genitori hanno contattato il Centro texano per la difesa della vita e l’avvocato Stephen Casey ha immediatamente chiesto al tribunale di affidare la tutela del paziente in coma ai genitori. «Dovevamo dargli almeno una possibilità di riprendersi. Il paziente aveva ripreso a respirare da solo e non sono rari i casi di persone che escono dal coma e riprendono coscienza».
Il 27 marzo i giudici hanno deciso di affidare la tutela legale di Terry Mace ai genitori e di non staccargli l’alimentazione e l’idratazione.

L’INTERVENTO DEI MEDICI. Nonostante l’ordine del tribunale, i dottori dell’ospedale Seton Medical Center Williamson hanno lo stesso privato l’uomo del sostentamento vitale dopo aver dichiarato alla famiglia che il paziente sarebbe stato posto in un regime di “comfort care”.
Lo scorso 1 aprile la famiglia si è accorta che i tubi per alimentazione e idratazione erano stati staccati e hanno ordinato ai medici di ripristinarli. Ma dopo poche ore, all’una di mattina del 2 aprile, Terry Mace è morto «disidratato».

«FAMIGLIA INGANNATA». Come dichiarato dal legale dei genitori Stephen Casey, «i dottori hanno informato la famiglia che Mace sarebbe stato posto in regime di “comfort care”» ma «la famiglia è stata ingannata, non sapendo quale trattamento corrisponde a questa dicitura»: cioè la sedazione perché il paziente non soffra in attesa che muoia per disidratazione.
Ora l’ospedale potrebbe essere denunciato dalla famiglia, che pensava che i termini “care” (cura) e “comfort” (benessere) riguardassero la vita e non la morte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Finn scrive:

    Che assassini impuniti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana