Google+

Tessera numero 4 di “comunione e libertà”. Lettera dal carcere di Vicenza

agosto 21, 2012 Claudio Bottan

«Faccio parte della categoria dei “condannati al carcere preventivo” e ritengo che esista una rete di persone che avrebbero molto da esprimere, in senso propositivo, per l’obiettivo comune del ripristino della legalità nelle carceri e nel “sistema giustizia”»

Oggi al ritorno in cella dopo la consueta ora (45 minuti) d’aria, insieme alla posta mi hanno consegnato Tempi numero 30/31. Dire grazie mi pare riduttivo. Non so come esprimerle la mia riconoscenza per aver accolto la richiesta che le avevo inviato (…) Faccio parte della categoria dei “condannati al carcere preventivo” e ritengo che esista una rete di persone accomunate da fede, bagaglio culturale, esperienza e senso di solidarietà, che avrebbero molto da esprimere, in senso propositivo, per l’obiettivo comune del ripristino della legalità nelle carceri e nel “sistema giustizia”. Mi riferisco anche a Simone e Daccò, con i quali certamente mi metterò in contatto epistolare, come all’onorevole Papa, a Klaus Davi, allo stesso professor Pugiotto e, molto immodestamente, al sottoscritto, oltre a lei naturalmente. (…)

I tempi sono maturi, e l’opinione pubblica ha il diritto di essere informata sulle drammatiche condizioni delle carceri, delle condanne inflitte dalla Corte europea per i diritti dell’uomo (Cedu) allo Stato italiano per tortura, dell’uso distorto della custodia cautelare in carcere, che non è più extrema ratio ma regola e metodo, utilizzati per placare la sete di vendetta istituzionale.

Vede direttore, mi posso permettere certe affermazioni perché sono stato oggetto di ben 9 rigetti alle istanze per la revoca o la sostituzione della misura cautelare. Nove rigetti con motivazioni-fotocopia che, escludendo pericoli di fuga, di reiterazione, di inquinamento delle prove, concludevano con «non ha dato prova di una presa di distanza dall’evento criminale, continuando a professare la propria innocenza». Intanto, tra un rigetto e un nuovo ricorso, i mesi passano, ma secondo i giudici «il tempo è un elemento neutro, e un fatto nuovo».

È inevitabile, poi, diventare un detenuto “scomodo”, perché basta essere in grado di connettere per rendersi conto che la condizione delle carceri è disumana e degradante, pertanto illegale, e in quanto tale soggetta all’azione penale obbligatoria prevista dal nostro codice. Ecco che allora ho attivato ogni tipo di giurisdizione nazionale e internazionale con denunce contro il ministero della Giustizia che continua a definire «tollerabili» le condizioni delle patrie galere. Mi chiedo continuamente come si possa restare insensibili alla quotidiana negazione della dignità individuale, ma mi rendo conto che la soluzione può arrivare solo da “dentro”, intendendo dalla coscienza e dalle carceri. Naturalmente sarei onorato di avere la tessera numero 4 di comunione e libertà!

Claudio Bottan, dal carcere di Vicenza

Risponde Luigi Amicone: Constato che sono l’unico di comunione e libertà ancora a piede libero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana