Google+

Terrorismo e capricci politici

giugno 19, 2016 Pietro Piccinini

Cosa resta del caso Abu Omar dopo dodici anni di titoli di giornale e udienze di tribunale?

abu-omar-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Cosa resta del caso Abu Omar dopo dodici anni di titoli di giornale e udienze di tribunale?

Il primo punto fermo è che il segreto di Stato apposto sull’operazione è stato confermato da tutti i governi (sinistri, destri e tecnici) che si sono succeduti da quando la vicenda è approdata in procura. Un motivo ci sarà.

Il secondo è che in tutti questi anni il processo è andato avanti, della maggior parte degli agenti Cia imputati si sono perse le tracce, ma è noto che i capi dei servizi italiani e americani se la sono cavata egregiamente tra assoluzioni e grazie del Quirinale.

Terzo punto fermo, notizia di questi giorni, è il fatto che una ormai ex spia americana, Sabrina De Sousa, l’unica degli agenti Cia coinvolti nel caso a tornare in Europa dagli Stati Uniti, è stata estradata dal Portogallo, dove si era trasferita per stare vicina all’anziana madre, e rischia di essere l’unica a pagare per il rapimento “extraordinary” dell’imam egiziano, visto che la giustizia italiana l’ha condannata a 4 anni di carcere per quei fatti.

Inutile ripetere che non sembra un buon affare, per un paese che dice di credere che la guerra al terrorismo si possa combattere senza armi ma con “più intelligence”. E non è un bel segnale per le forze impegnate in questa guerra nemmeno il fatto che, come ricorda il Wall Street Journal, l’amministrazione Obama abbia deciso di non coprire con l’immunità solo la De Sousa, «abbandonandola ai capricci politici di magistrati stranieri».

Abbiamo inseguito «capricci» per dodici anni. Intanto Abu Omar è stato riconosciuto colpevole di terrorismo internazionale anche dalla Cassazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi