Google+

Terrorismo e capricci politici

giugno 19, 2016 Pietro Piccinini

Cosa resta del caso Abu Omar dopo dodici anni di titoli di giornale e udienze di tribunale?

abu-omar-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Cosa resta del caso Abu Omar dopo dodici anni di titoli di giornale e udienze di tribunale?

Il primo punto fermo è che il segreto di Stato apposto sull’operazione è stato confermato da tutti i governi (sinistri, destri e tecnici) che si sono succeduti da quando la vicenda è approdata in procura. Un motivo ci sarà.

Il secondo è che in tutti questi anni il processo è andato avanti, della maggior parte degli agenti Cia imputati si sono perse le tracce, ma è noto che i capi dei servizi italiani e americani se la sono cavata egregiamente tra assoluzioni e grazie del Quirinale.

Terzo punto fermo, notizia di questi giorni, è il fatto che una ormai ex spia americana, Sabrina De Sousa, l’unica degli agenti Cia coinvolti nel caso a tornare in Europa dagli Stati Uniti, è stata estradata dal Portogallo, dove si era trasferita per stare vicina all’anziana madre, e rischia di essere l’unica a pagare per il rapimento “extraordinary” dell’imam egiziano, visto che la giustizia italiana l’ha condannata a 4 anni di carcere per quei fatti.

Inutile ripetere che non sembra un buon affare, per un paese che dice di credere che la guerra al terrorismo si possa combattere senza armi ma con “più intelligence”. E non è un bel segnale per le forze impegnate in questa guerra nemmeno il fatto che, come ricorda il Wall Street Journal, l’amministrazione Obama abbia deciso di non coprire con l’immunità solo la De Sousa, «abbandonandola ai capricci politici di magistrati stranieri».

Abbiamo inseguito «capricci» per dodici anni. Intanto Abu Omar è stato riconosciuto colpevole di terrorismo internazionale anche dalla Cassazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana