Google+

Terremoto in Nepal, due mesi dopo. «Quasi 9 mila morti e ora comincia la stagione dei monsoni»

giugno 22, 2015 Leone Grotti

La stagione delle violenti piogge finirà solo a ottobre e prima di allora non si potrà ricostruire nulla. Intervista al portavoce di Caritas Nepal, che sta cercando di fornire un riparo ai quasi 3 milioni di sfollati

Il 25 aprile la capitale del Nepal, Kathmandu, è stata sconvolta da un violentissimo sisma di magnitudo 7.8. Il 12 maggio, un secondo terremoto di magnitudo 7.3 ha peggiorato ancora di più la situazione. A due mesi dal primo sisma, il bilancio (ancora provvisorio) delle conseguenze è questo: otto milioni di persone colpite, 8.786 vittime, 22.310 feriti circa, 510.762 case rase al suolo, 291.707 danneggiate. Questi i dati di Caritas Nepal, il cui portavoce, Prakash Khadka, ha rilasciato un’intervista a tempi.it.

Dove vivono a due mesi dal terremoto gli sfollati?
Su 75 distretti, 39 sono stati colpiti e in questi molte persone sono rimaste sfollate in un modo o in un altro. Secondo l’Onu, stiamo parlando di circa 2,8 milioni di persone, mentre il governo non ha dati ufficiali. Nella valle di Kathmandu, sono riuniti nei grandi spazi pubblici, come lo stadio Halchowk, il Memorial Park, altri campi da gioco o anche sul ciglio delle strade. Alcuni sono ospitati da familiari o vicini, ma tanti sono ancora sotto i tendoni o ripari di lamiera. Però ora c’è un altro problema.

Quale?
Interi villaggi si sono spostati in altre città, ma ora potrebbero essere evacuati di nuovo in aree più sicure perché la stagione dei monsoni comincerà questa settimana. La terra continua a tremare, causando valanghe che hanno già ucciso centinaia di persone, ma gli smottamenti dureranno almeno fino alla fine di settembre, quando finiranno le violenti piogge.

nepal-terremoto-caritas1

Di che cosa ha più bisogno la popolazione?
Riparo, prima di tutto, visto l’arrivo dei monsoni. Non si può neanche pensare di ricostruire qualcosa prima di ottobre o novembre. Quindi servono tetti temporanei per le famiglie. Caritas Nepal sta cercando di fornire materiali per il riparo insieme ad altre organizzazioni. Nei distretti dove è disponibile la lamiera ondulata, ne finanziamo l’acquisto per aiutare le famiglie e allo stesso tempo l’economia locale. Per ogni famiglia servono 15.000 rupie nepalesi (134 euro) o 18 pezzi di lamiera ondulata. Il governo si è impegnato a provvedere e noi stiamo lavorando a stretto contatto con loro.

Siete quindi ancora in una fase di transizione?
Sì. Quando piove troppo è impossibile ricostruire, così come non si possono trasportare materiali in villaggi di montagna dove le strade saranno allagate per mesi. Ad oggi, con aiuti di emergenza, Caritas Nepal ha già raggiunto oltre 250 mila persone in 15 diversi distretti, anche grazie al determinante aiuto della Caritas italiana.

La popolazione ha ancora paura di nuovi terremoti?
Per fortuna le scosse di assestamento sono molto diminuite. Prima ce n’erano tante, tremori ogni giorno e ogni notte. Ora sono poche, lievi e a grande distanza l’una dall’altra. Ma la gente è spaventata, molti non vogliono tornare dentro le case, anche se possono, e continuano a vivere all’esterno. La gente ora teme che i monsoni peggiorino molto le condizioni di vita. Noi come Caritas Nepal offriamo anche sostegno psicologico attraverso un gruppo teatrale che realizza scene su come riprendersi e recuperare dallo shock. Andiamo soprattutto nei centri di distribuzione, dove la gente si trova naturalmente insieme.

Quanto ci vorrà per la ricostruzione?
La strada è lunga, serviranno come minimo tre anni. Anche prima del terremoto, il Nepal era il quarto paese più povero del mondo. Noi speriamo che la comunità internazionale continui a pensare e pregare per noi, aiutando il popolo del Nepal. Noi siamo grati a tutto il circuito della Caritas che ci ha aiutato fino ad oggi e ci ha permesso di intervenire con prontezza in uno dei momenti più bui della nostra storia. Continuate a sostenerci, perché possiamo ricostruire tutto rendendolo anche meglio di prima.

Foto studenti Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Franco Belli scrive:

    Nessun cenno alla misericordia del Signore?
    In fondo .. solo 9mila morti… ma quanti sono ancora vivi… per “miracolo”?

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Tu sai già di che morte morirai? Da qlc parte o in qlc modo bisognerà morire..Io incomincio escludendo aborto (per me ormai è già troppo tardi), mi resta l’eutanasia, ma a ben pensarci non ci metto mano. Allora, voglio morir di quel che Iddio ha pensato per me..Che poi per noi cristiani non esiste la reincarnazione, e nemmeno la morte( “sorella morte”, San Francesco) perchè la morte non esiste, è un pasaggio. Dai, Franco Belli, tanto arriverà anche per te….Perchè arriva per tutti – è scientificamente provato, lo dicono studi autorevoli. A Medjugorje in tempi di guerra cadde una bomba -ancora lì impiantata ed inesplosa per metà davanti alla chiesa…ma qui mi fermo senno non mi basterebbero una ventina di anni per scrivere..E chi ce vo’ rimanere a lungo in questa terra piena di atei che credono nel nulla!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana