Google+

È tempo di spin off: dalla costola di Bones arriva The Finder

gennaio 24, 2012 Elisabetta Longo

Da Grey’s Anatomy era nato Private Practice, da Bones arriva The Finder. Buoni gli intenti nel pilot, ma manca qualcosa. Un’altra possibilità, comunque, gliela si concede volentieri

Non sempre è detto che gli spin off funzionino. Cambia la location, cambia la trama, la serie originaria viene presa come spunto. Private practice ad esempio è l’esperimento ben riuscito di Grey’s Anatomy e parte quando la ginecologa Addison si trasferisce dall’ospedale di Seattle dove tutti si innamorano. Ora ne comincia un altro, anche se solo (per ora) con i 13 episodi della prima stagione: The Finder, produzione Fox, che si stacca dalla costola di Bones, telefilm giallo di ampio successo. Lì i protagonisti erano un ex agente dell’Fbi, Booth, con un brutto carattere e un’antropologa forense, Temperance. Durante alcune loro indagini, si trovano a collaborare con un ex collega di Booth, un certo Walter Sherman. Il protagonista di The Finder.

Quando qualcuno chiede all’ex militare Walter di risolvere un caso, lui risponde: «Io faccio le cose in modo diverso, ed è per questo che non sono più nell’esercito. Perché trovo quello che la gente cerca, ma di solito trovo anche di più, e non sempre questo piace». Al di là dell’apparente spocchia, è uno alla mano, uno da t-shirt e battuta sempre pronta, che si porta sempre appresso una vicesceriffo bellissima e il proprietario del bar dove passa le ore: “Ai confini del mondo”. A far parte della squadra c’è anche una teenager con problematiche da assistente sociale.

Buoni gli intenti nel pilot, ma manca un po’ di azione, un po’ di suspence, un po’ di ciò che tiene vivi mentre si guarda un thriller. Che sia colpa del caso risolto nel primo episodio, un militare scomparso? Può essere. Un’altra possibilità comunque la si concede ai creatori di una serie tv come Bones, che è ora alla settima stagione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.