Google+

I tempi dell’ingiustizia

luglio 10, 2013 Redazione

Il caso del finanziere Alessandro Jelmoni. La V Sezione Penale del Tribunale di Milano, il 15 marzo scorso, ha dichiarato la nullità del decreto di giudizio immediato che l’aveva mandato a processo

Che in Italia sia necessaria una profonda riforma del sistema giudiziario è chiaro a tutti coloro che se ne debbano occupare, anche confortati da statistiche da brivido per quanto attiene a processi pendenti sia civili che penali: rispettivamente, circa 5 milioni e 4 milioni. Se a qualcuno pare siano pochi… Però, c’è un però: ogni tanto qualche processo viene di fatto cancellato, poiché il sovraccarico di lavoro a cui è esposto (o si auto-espone, questo andrebbe meglio capito) il nostro sistema giudiziario, mette nelle condizioni i magistrati di non poter fare correttamente il proprio lavoro. Può capitare così che un decreto di giudizio immediato venga dichiarato nullo, perché mancano alcuni dei presupposti fondamentali del medesimo, come l’interrogatorio di garanzia ed il merito del Tribunale del Riesame. Diciamolo: cose da nulla, per chi è esterno alla vicenda; diritti fondamentali calpestati (o “compressi”, come si usa dire), per chi subisce un approccio quantomeno semplicistico, se non superficiale, da chi la giustizia la dovrebbe amministrare per conto dello Stato.
È il caso del finanziere Alessandro Jelmoni, persona impegnata a promuovere in Italia il risparmio solidale, che, coinvolto in una querelle di una nota famiglia industriale del Nord-Italia, ha visto la V Sezione Penale del Tribunale di Milano, il 15 marzo scorso, dichiarare la nullità del decreto di giudizio immediato che l’aveva mandato a processo.

Prima di ciò, a fine gennaio, la Corte di Cassazione aveva sancito l’ammissibilità del ricorso che i difensori di Jelmoni avevano presentato a luglio del 2012 al Tribunale del Riesame, che aveva invece rigettato il medesimo per un presunto ritardo (ritardo la cui inesistenza è stata appunto confermata dalla Cassazione); ai primi di febbraio, il Tribunale del Riesame di Milano aveva sancito l’omissione dell’interrogatorio di garanzia, che Jelmoni avrebbe dovuto subire entro il giugno 2012. In tutto, tre sentenze favorevoli alla difesa di Jelmoni e 6 mesi regalati allo Stato italiano, in attesa che il diritto fondamentale alla difesa sia rispettato da chi lo dovrebbe garantire: i tempi dell’ingiustizia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Paolo Fraschini says:

    …tutto ció è preoccupante! Chiunque puó trovarsi in una situazione del genere. Se il diritto alla difesa viene completamente o volutamente ignorato, la giustizia dove va a finire? Questo è un paese dove la giustizia indagherà 32 testimoni a favore e dico 32 testimoni!!!! Ora, anche a non voler pensar male, come posso difendermi se non ci sono vittime, non ci sono prove, ci sono 32 testimoni a mio favore e vengo condannato??? Figuriamoci se uno non si chiama Berlusconi!!! Come ne veniamo fuori? I MAGISTRATI DEVONO PAGARE PER I LORO ERRORI! Con la loro vita, con le loro proprietà e con i loro soldi!!! Paolo Fraschini

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.