Google+

Perché dovremmo temere Sun Tzu come Al Baghdadi (e forse anche di più)

maggio 11, 2016 Pier Giacomo Ghirardini

Ma cari amici, entusiasti del Wto e kamikaze della globalizzazione, contro chi pensate che li useranno i nuovi caccia, contro Pericle e la Lega di Delo?

Chengdu J-7

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Negli scorsi giorni leggevo Tucidide. La menzogna, la colpa, l’esilio di Luciano Canfora. Un saggio eruditissimo – e chi non ha fatto il classico dai preti e non sa il greco come l’avemaria può fare a meno di comprarlo. Fra le osservazioni di Canfora che chi non ha fatto il classico dai preti non leggerà mai, ce n’è una che mi ha colpito: quando Tucidide si immaginava di iniziare, lui e non altri, a inventare la storiografia dell’Occidente, una storia di guerra a partire da quella del Peloponneso, un cinese nato poco prima di lui, Sun Tzu, aveva già scritto il manuale su come vincere qualsiasi guerra, in pratica senza combatterla. Senza quella “tendenza all’estremo” divinizzata da Clausewitz che rappresenta la vera essenza muscolare della rivalità mimetica e dello spirito di concorrenza che è la moderna religione dell’Occidente – e che solo il cristianesimo, come ci ha insegnato Girard, ha demistificato, portando un briciolo di autocritica.

Per Sun Tzu e i cinesi «la guerra è il Tao (l’equivalente dello spirito hegeliano) dell’inganno». Noi non godiamo a farci la guerra se non odoriamo cordite dopo che i cannoni hanno fatto massacro, ma i cinesi la fanno in modo diverso. Come giocatori di scacchi, rifiutando scambi di colpi prematuri, conquistando posizioni con inchini e salamelecchi. Per arrivarti a dare scacco matto quando ci sono ancora quasi tutti i pezzi sulla scacchiera e tu, grandissimo coglione, pensavi di condurre il gioco.

Conobbi un cinese venticinque anni fa. Uno scienziato giovanissimo, piccolissimo, educatissimo. Qualsiasi cosa io dicessi a cena, l’accoglieva ammirato come se stesse parlando Confucio. Mia figlia allora seienne, scottata dalla recente nascita del suo fratellino, gli chiese come si diceva fratellino in cinese e il nostro ospite rispose che ci sono sette modi. Al che uno dovrebbe insospettirsi. Apprendemmo poi che veniva da uno «small village» (di soli 800 mila abitanti) «near Beijing» (a soli due giorni di treno da Pechino). Al che uno dovrebbe un po’ allarmarsi. Poi dato che so che si occupa di avionica, per fare il saputone, gli chiedo dei caccia cinesi Chengdu J-7, la versione cinese dei Mig-21 russi. Al che mi diventa smorto: l’hanno mandato qui a studiare in Occidente proprio per upgradare i radar di quei caccia.

Nulla di male: oggi insegna al Mit e i suoi Mig upgradati sono bidoni. Ma cari amici, entusiasti del Wto e kamikaze della globalizzazione, pensate che i cinesi non abbiano sostituito i Chengdu J-7? E, sempre che non ci comprino tutti prima, contro chi pensate che li useranno i nuovi caccia, contro Pericle e la Lega di Delo?


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Ferruccio scrive:

    Perchè dovremmo (noi) temere (la Cina)… Noi chi? Chi siamo noi?

    • BIASINI scrive:

      Boh?. Non ho studiato greco e, vista la mia colossale ignoranza, confesso che ci ho capito poco, per non dire niente.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana