Google+

Telecom, Jannone: «La corte d’assise mi ha assolto dall’associazione a delinquere»

febbraio 14, 2013 Chiara Rizzo

Ieri a Milano la sentenza sul dossieraggio illegale della security Telecom-Pirelli. L’ex ufficiale del Ros Angelo Jannone è l’unico assolto dall’accusa di aver partecipato al tiger team

Ieri, dopo 10 ore di camera di consiglio, la Corte d’assise d’appello ha chiuso in primo grado la vicenda del presunto dossieraggio illegale messo in atto dalla security Telecom-Pirelli, guidata da Giuliano Tavaroli (che aveva patteggiato in precedenza una condanna a 4 anni).    Sono stati condannati 7 imputati, tra cui l’investigatore Emanuele Cipriani (5 anni e mezzo), l’ex collaboratore dei servizi Marco Bernardini (7 anni e mezzo), l’ex giornalista di Famiglia cristiana, Guglielmo Sasinini (3 anni e mezzo), che si somma alla condanna dell’hacker a capo del Tiger team, Fabio Ghioni, che aveva scelto il patteggiamento (3 anni e 4 mesi). Resta sullo sfondo la vicenda che coinvolge direttamente Marco Tronchetti Provera (non imputato in questo processo), per il quale tra poco partirà un processo con l’accusa di ricettazione di materiale hackerato del Tiger team. Gli imputati sono stati condannati anche al pagamento di 10 milioni di euro di danni a Telecom, e 50mila euro ai Ds, tranne l’ex ufficiale del Ros, e manager della sicurezza in Telecom, Angelo Jannone, che è stato assolto dall’accusa più grave di associazione a delinquere, e condannato ad un anno con la condizionale per un reato minore. A tempi.it, Jannone spiega che «Sono stato condannato per un fatto che sarebbe avvenuto in Brasile, nell’ambito della guerra per il controllo di Brasil Telecom, per cui non ci sono querele e non sono state identificate le eventuali vittime», annunciando l’intenzione di ricorrere in appello.

Jannone, perché è stato condannato, e quali prove ha presentato per difendersi?
Sono stato condannato a solo 1 anno con condizionale e attenuenti generiche, che non hanno concesso ad altri imputati, mentre i pm avevano chiesto per me due anni e mezzo. Si tratta di  un episodio secondario di un’asserita intrusione informatica, avvenuto in Brasile, per il quale i miei legali avevano evidenziato, tra l’altro, anche la mancata identificazione delle vittime, l’assenza di querela e sopratutto l’assenza della competenza della magistratura italiana. Nel merito si era trattato di aderire ad una richiesta dei vertici Telecom in Brasile nell’ambito della guerra per il controllo di Brasil Telecom, in cui Telecomitalia, pur essendo azionista di maggioranza non ne deteneva il controllo. In gioco vi erano 3000mila posti di lavoro italiani. Ma si tratta, lo ripeto e lo dice la sentenza (dato che è caduta l’accusa per me di associazione), di qualcosa che nulla ha a che vedere con la vicenda dei dossieraggi.  Ma ne riparleremo in appello. Il nostro sistema, per fortuna, prevede 3 gradi di giudizio.

Come vive la decisione della corte d’assise?
Per me era moralmente importante prendere le distanze da un ipotesi di partecipazione ad un associazione per delinquere che, oltre che infamante, strideva con il mio ruolo effettivo, con la mia storia personale e, sopratutto con i fatti reali che siamo riusciti a dimostrare ampiamente. Per cui l’assoluzione con formula piena da questo reato e ciò che mi aspettavo e che anche una corte d’Assise particolarmente severa, mi concesso senza riserve. Durante il processo è emerso chiaramente quanto fossi inviso nell’ambito della security, per la mia intransigenza nell’ostacolare alcune pratiche illegali ed un sistema diffuso di pagamenti triangolati, sostenuto in questa battaglia solo dall’attuale amministratore delegato di Telecomitalia, Marco Patuano.

Non è che questi “pagamenti triangolati” nascondessero invece tangenti?
Per carità, assolutamente no. Non è mai emerso nulla del genere, ma comunque si trattava di modalità di pagamento non corrette contabilmente e che hanno, infatti, ingenerato molti equivoci.

Quindi può ritenersi soddisfatto dato che è emersa la sua estraneità alla presunta associazione di spionaggio?
Chi è stato carabiniere non può mai sentirsi soddisfatto anche se viene condannato ad una pena insignificante ed assolto dall’accusa più grave. E poi rimane l’amarezza per gli anni che ci sono voluti per provare cose ovvie e che erano già nella piena disponibilità degli inquirenti e la superficialità dell’informazione. Ma probabilmente attraverso me si è cercato di infangare il nome del Ros dell’Arma.Sulla base delle dichiarazioni dei miei accusatori, Bernardini e Ghioni, clamorosamente smentiti in dibattimento, si è detto di tutto e di più, senza alcuni ritegno e contradditorio mediatico come dovrebbe avvenire in paese civile. Si è fatta tanta dietrologia cercando di collegare vicende, come quella del sequestro Abu Omar o dei processi a carico di Mario Mori e Giampaolo Ganzer con la mia, che nulla hanno a che vedere l’una con l’altra.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana