Google+

Tavolazzi, il primo espulso dal M5S di Grillo: «La democrazia non è una “quisquilia”»

dicembre 14, 2012 Francesco Amicone

Valentino Tavolazzi attacca il consigliere regionale grillino Davide Bono. «La democrazia, un principio non sindacabile». «Non può essere sacrificata sull’altare del risultato elettorale».

«Fuori dalle palle chi mi accusa!». Beppe Grillo liquida così i dissidenti del Movimento 5 Stelle. Censurate dall’alto, le proteste contro la deriva “assolutistica” del non-partito, hanno ricevuto un bel “vaffa”, anche Federica Salsi e Giovanni Favia. La prima consigliera al Comune di Bologna, il secondo, alla Regione Emilia-Romagna, sono stati espulsi dal “non-partito” perché avrebbero chiesto maggiore democrazia nei processi decisionali e nell’organizzazione della “non-associazione”. Una richiesta naturale che non è piaciuata al comico. Grillo ha sempre affermato di mettere a disposizione se stesso e il logo del movimento, ma dalle ultime sue esternazione, sembra che quello che doveva essere uno strumento in mano dei cittadini sia diventato un giocattolo nella sue mani. «Non è questa la natura dei Cinque stelle», precisa Valentino Tavolazzi, primo grillino epurato: «Abbiamo aderito al movimento sulla base dei principi indisindacabili di democrazia e trasparenza».

“Una quisquilia”. Così, ieri su La Stampa, ha definito la democrazia, il consigliere regionale 5 Stelle piemontese, Davide Bono. L’unica cosa che conta, stando alle sue parole, è il rispetto per i capi, vale a dire  Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.
Sì, ho letto le sciocchezze pronunciate dal signor Bono. Mi chiedo soltanto perché, se la pensa così, non si sia ancora fatto da parte. La proposta di Grillo è nata mettendo al centro non il “verticismo” che si vede ora, ma la democrazia. Una missione che va al di là del movimento stesso e che deve portare i valori democratici nelle istituzioni e nella gestione dell’amministrazione pubblica. La democrazia è un principio ineludibile. Chi vuole sacrificarlo sull’altare del risultato elettorale non può appartenere al movimento.

Pensa che il movimento stia rinunciando ai suoi principi?
Penso che abbia abbracciato il populismo pensando soltanto ai consensi. Il nostro movimento era nato per educare culturalmente, non per conquistare Roma con i manipoli, come nella guerra evocata da Grillo sul suo blog. Non si può lasciare da parte i principi sull’onda dell’entusiasmo, prendere il treno dell’alta velocità che va a Roma, lasciando a spasso chi aspetta alla stazione i treni locali.

Prendendo spunto dalla metafora, cosa ne pensa del fatto che Bono sia riuscito a mettere in prima classe, nel pendolino che porta a Roma, tre No-Tav da lui sponsorizzati?
Noi siamo nati sul territorio, la dimensione locale ha un’importanza notevole. Considero più gravi le sue esternazioni di ieri. Le conseguenze per il movimento della relativizzazione del concetto di democrazia.

Lei è stato espulso, perché parla del movimento come se ne facesse parte?
Perché io me ne sento parte. Ho aderito tempo fa all’idea di Beppe Grillo. La nostra lotta, la mia e di altri “espulsi”, è per il movimento e non contro di esso. Ho aderito a una proposta che deve promuovere la democrazia, la trasparenza, il rispetto delle regole. E con me, e con altri, le regole per l’espulsione, non sono state rispettate.

Lei, come Favia e Salsi.
Entrambi, come me, hanno avuto la fiducia del territorio. Giovanni Favia è un bravo consigliere regionale, che ha ottenuto migliaia di preferenze. Tagliarlo fuori con una decisione presa dall’alto non ha nulla di democratico e va contro gli interessi di tutti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi