Google+

Tav, dopo due anni ratificato accordo Italia-Francia. Bagarre in Senato

aprile 9, 2014 Chiara Rizzo

Caos in Aula per le proteste del Movimento 5 stelle al voto sul trattato internazionale per la Torino-Lione, sfiorata la rissa. Ratificata anche la divisione dei costi per il tunnel tra Susa e la Francia

Con 173 voti favorevoli, 50 contrari e 4 astenuti, nonché un ritardo di due anni e due mesi circa, il Senato ha approvato in via definitiva e senza modifiche al testo arrivato dalla Camera il ddl di ratifica tra Italia e Francia sulla Tav Torino-Lione, che era stato firmato a Roma dai governi dei due paesi il 30 gennaio 2012.

URLA E BAGARRE IN AULA. L’intero gruppo di M5S al senato ha messo in scena una serie di proteste, al grido di slogan che hanno impedito ai senatori degli altri gruppi di parlare. Il senatore Franco Cardiello (Fi) è quasi venuto alle mani con il collega grillino Alberto Airola, che a sua volta aveva reagito insieme ad altri del suo gruppo contro Giacomo Caliendo (Fi), andato a protestare sotto i banchi dei Cinque stelle urlando «I fascisti siete voi, che non lasciate parlare gli altri!». I due relatori del testo, Lucio Malan (Fi) e Daniele Borioli (Pd) hanno dovuto consegnare a mano il trsto alla presidenza, lamentando proprio il fatto che «In Aula non si può più esprimere il proprio parere». Il caos è poi scoppiato dopo il voto favorevole alla ratifica, e i commessi sono dovuti intervenire a sedare i senatori Cinque stelle.

COSA CONTIENE IL TESTO. Il trattato ratifica le modifiche intervenute sul tracciato italiano della linea ad Alta velocità, e ridefinisce il percorso, compreso il tunnel di base di 57 chilometri tra Susa e Saint-Jean-de-Maurienne, quello che con i lavori in val di Susa più ha suscitato proteste (anche quelle dei grillini). Nell’accordo è contenuta anche la divisione delle spese tra i due paesi per la sola tratta internazionale. Su un costo complessivo stimato di 8,5 miliardi, 3,3 miliardi di euro sono a carico dell’Ue, 2,2 miliardi della Francia (il 42,1 per cento) e di 2,9 miliardi dell’Italia (il 57,9 per cento). Bruxelles deve però ancora confermare formalmente la copertura della propria parte di spesa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana