Google+

E io che volevo pagare le tasse! Provateci voi nella Milano 2.0

settembre 26, 2013 Franca Floris

Le disavventure burocratiche di una cittadina che s’è messa di buzzo buono per pagare la Tares. Infoline, Twitter, Facebook per poi ricominciare da capo

La lettera che leggete di seguito è stata pubblicata sull’edizione odierna del quotidiano Italia Oggi.

Si avvicina il 30 settembre e mi ricordo che scade il pagamento delle due rate di acconto della Tares, la tassa che da quest’anno sostituisce la tarsu. Purtroppo ho smarrito il modello di versamento e il portale www.comune.milano.it non solo non consente il pagamento online, ma non fornisce informazioni per questi casi.

Nessun problema, chiamo il servizio infoline 020202, che in altre occasioni si è rivelato efficiente. Ma questa non è la volta buona. Per giorni cerco di mettermi in contatto inutilmente con un operatore: tempi di attesa stimati variabili dai cinque agli 11 minuti (che regolarmente si moltiplicano) e quando qualcuno risponde la linea improvvisamente cade.
Finalmente una voce gentile: non sono in grado di darmi l’informazione richiesta, ma se lascio i miei recapiti sarò ricontattata.

Aspetto ancora. Ma in epoca di social network ci si può arrendere di fronte a una telefonata mancata? Ovvio, no. Tento la carta twitter e dall’account del comune di Milano arrivano segni di vita. Mi chiedono addirittura di che informazione ho bisogno. Peccato che poi non rispondano, invitandomi a scrivere un messaggio privato su Facebook!

Torno allora ai canali tradizionali: sportello informazioni dell’ufficio tributi, dove l’addetta mi comunica che l’unico modo per avere informazioni è… ricominciare daccapo, chiamando lo 020202.
Mancano solo cinque giorni alla scadenza e non so ancora quanto e come dovrò pagare.
Che fortuna vivere a Milano, città 2.0, città in rete.

Franca Floris

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Marina says:

    A questo punto do il mio piccolo contributo: dal 2009 al maggio 2011 sto in un appartamento in zona Corvetto, comune di Milano, faccio il cambio di residenza e dichiaro la mia presenza ai fini TARSU.
    Nel maggio 2011 però mi sposo e cambio comune di residenza.
    Per un disguido tra il mio anziano affittuario e l’addetta/o del comune l’occupazione dell’immobile ai fini TARSU viene ricondotta all’originario proprietario solo per l’appartamento, mentre io rimango formale occupante del box (escluso dall’affitto e mai nemmeno visto! ma tant’è…).
    Mi arriva la richiesta di pagamento per il 2012 nella mia nuova residenza (eh sì, quando cercano soldi i comuni fanno addirittura le ricerche anagrafiche incrociando i propri dati rigorosamente aggiornati: pazzesco!). Mi metto il cure in pace: pago e poi faccio on line (+ fax) la dichiarazione di cessata occupazione (nella quale, peraltro, non è contemplata la “cessata locazione” e quindi si può solo risultare proprietari= occupanti dell’immobile o meno).
    Colpo di scena: a luglio mi arriva la richiesta di pagamento della TARES 2013 per il solito box!!!
    Da allora chiamo più volte, attese interminabili, a fine agosto parlo con una signora (molto gentile, a onor del vero), ma non vengo più richiamata… e nemmeno abito più lì da 2 anni e mezzo! Vale la pena di essere collaborativi? Forse no…

  2. mike says:

    cose simili non avvengono solo a milano. ma in italia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download