Google+

Le scuole paritarie di Milano uccise dalle tasse. La Tares costerà fino a dieci volte di più

dicembre 18, 2013 Redazione

Quadruplicano le tariffe che vengono fatte pagare in ragione dei metri quadrati, mentre le statali pagano una quota per studente. La giunta Pisapia si difende: «Così ha voluto Monti», ma intanto taglia anche i rifornimenti di cibo alle mense

Allarme Tares per le scuole paritarie non comunali di Milano. Senza che il Comune abbia mai comunicato nulla prima e in un periodo in cui non è affatto semplice reperire risorse per nessuno, gli istituti paritari del capoluogo lombardo hanno ricevuto venerdì scorso gli avvisi di pagamento per il nuovo tributo sui rifiuti da effettuarsi nella giornata del lunedì successivo 16 dicembre. Praticamente senza preavviso. E, come se non bastasse, con la pessima sorpresa che gli importi da pagare sarebbero aumentati, e di molto, rispetto a quanto pagato in precedenza.

MIGLIAIA DI EURO IN PIÙ. Fidae Lombardia, la federazione che riunisce gli istituti cattolici dalle materne alle superiori, comunica che gli importi da pagare sono, in alcuni casi, addirittura «decuplicati rispetto agli anni precedenti». A riferirlo è l’Avvenire. Ad ogni modo, anche se solo la tassa sui rifiuti dovesse costare il doppio dell’anno precedente ad una scuola paritaria, essa potrebbe trovarsi a dover sborsare 20 mila anziché 10 mila euro. Quarantamila se quadruplicasse. Ipotesi non certo irrealistiche. E ciò «nonostante al tavolo tecnico» col Comune «si stia discutendo di una proposta, già in vigore in altri Comuni, secondo cui gli istituti paritari pagano nella stessa misura di quelli statali, conteggiando una quota a studente». Che sarebbe molto meglio, anziché far pagare «un conto salatissimo visto che il contributo richiesto alle paritarie non comunali è passato dagli 0,54 centesimi al metro quadro agli attuali 2 euro».

C’È SCUOLA E SCUOLA. «Abbiamo applicato quanto previsto dalla legge 214 del 2011», il cosiddetto decreto “Salva Italia” voluto dall’esecutivo dei tecnici capitanato da Mario Monti che all’articolo 14 istitutiva la Tares, si giustificano dall’assessorato all’Istruzione di Palazzo Marino. Peccato, però, che, così facendo, la giunta del sindaco Pisapia, di fatto discrimini le scuole paritarie di Milano e tutti i loro studenti rispetto ai colleghi della scuola statale. Le paritarie milanesi, infatti, se non dovesse cambiare nulla, dovrebbero pagare la Tares come si trattasse di un qualunque normalissimo esercizio commerciale e non, invece, di una scuola.

E L’IMU CHI LA PAGA? Ma non è tutto. Mentre la questione di un’eventuale esenzione del pagamento dell’Imu per le scuole paritarie è ancora in attesa di essere risolta (come ha spiegato a tempi.it il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi), sempre secondo quanto riferito dall’Avvenire, a Milano, il Comune starebbe per tagliare al ribasso anche la dotazione del fondo che dovrebbe garantire la distribuzione delle derrate alimentari alle mense delle scuole paritarie dell’infanzia. «Nell’ultimo incontro che abbiamo avuto – racconta suor Anna Monia Alfieri, presidente regionale Fidae – i funzionari hanno prospettato non solo la riduzione a un terzo del fondo previsto, ma anche la sostanziale scomparsa della gratuità delle derrate alimentari introducendo anche per le paritarie il criterio legato al reddito così come avviene nelle comunali». Peccato, però, che la «gratuità» sia prevista solo per quelle «famiglie con reddito Isee inferiore ai duemila euro». Ed è difficile pensare che possano essere un numero anche solo minimamente rilevante le famiglie che, con un reddito inferiore ai duemila euro, decidano di mandare i loro figli alle scuole paritarie. Che, ancora una volta, pagano per tutti. Nonostante facciano risparmiare la collettività, alleggerendo notevolmente l’esborso dello Stato, come ben si evince da questa tabella dell’Avvenire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    i voucher bastano per pagare la retta intera? se si allora chiunque può accedervi, se no allora è solo per chi se le può permettere. le elementari orsoline che ho frequentato io hanno chiuso perchè la gente si era stufata di pagare per l’istruzione, non per le tasse. non sarebbe meglio reclamare la completa parità scolastica?

    • Matteo Rigamonti scrive:

      Bella idea quella della perfetta parità scolastica. Io penso che si possa cominciare, per esempio, dai contributi dello Stato, che ad oggi destina 58 miliardi alla scuola statale e 500 milioni a quelle paritarie. Un po’ più di parità non farebbe male. E’ vero.

  2. Antonio scrive:

    solite spallate balorde e politicizzate contro le istituzioni ideologicamente “antipatiche”… solite demonizzazioni contro chi “ha i soldi”, demonizzazioni frutto di invidia e cancro comunista.

    • francesco taddei scrive:

      antonio io non sparo contro le scuole antipatiche. è che non avevo i soldi per andarci. e questa è la ragione meno ideologica del mondo. fare i conti è una cosa pratica. e le scuole paritarie sono per chi se le può permettere. chiedo pari condizioni, non chiusura nè elemosina.

  3. Piero scrive:

    Emanuele Sarti, forse avresti fatto meglio ad andare ad una scuola paritaria, ” …nessuno gli ha obbligati…”,
    ” ….ci devono andare di mezzo chi non ha poteri…”, sei ridicolo……
    Te l’ho gia detto altre volte, i tuoi commenti visceralmente anti-cattolici hanno un effetto equivalente a quello di un potente lassativo, ti prego abbi pietà, risparmiaci…….

  4. beppe scrive:

    hanno votato pisapia anche grazie al battage di DON COLMENGA E DEL PUFFO VIOLA.

  5. renzo busti scrive:

    Tutti si riempiono la bocca della parola liberta’ ma molti pensano che sia quella di imporre le
    loro opinioni. L’educazione dei figli e’ un diritto dei genitori, con ottime motivazioni. Le azioni dei
    figli, se sbagliate, sono sofferenza per i genitori, non o pochissimo per gli estranei.
    E’ quindi giusto che possano scegliere i valori da insegnare, se sbagliano faranno mea culpa.
    Mi sembra giusto anche l’uso attinente della matematica. Tutti paghiamo le tasse, per avere
    una scuola per TUTTI. Le scuole paritarie devono ingiustamente pagare gli insegnanti e le
    spese di manutenzione. Se chiudessero aumenterebbe la spesa dello stato, ma questa mate-
    matica sembra difficile da capire, per molti.
    Il sig. Sarti si ripresenta sempre con le solite poche preconcette idee. Ragioni sulla tabella
    qui sopra. E’ triste vedere come moltissime persone non abbiano il senso della giustizia. ma
    preferiscono voler imporre le loro opinioni. Sconsiglio di mettersi a discutere con il sig. Sarti,
    frigge e rifrigge la solita frittata.

    Leggi di Più: Scuola, Toccafondi: «500 milioni alle paritarie» | Tempi.it
    Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Classe E si rinnova profondamente a partire dai motori, più potenti ed efficienti, e diventa così intelligente da farsi carico della parte stressante della guida, per lasciare a chi siede al volante solo quella più piacevole. Prezzi a partire da 51.100 euro.

Purezza di linee, design minimalista e un cuore storico. La bella special presentata a Villa d'Este è un omaggio a un modello che ha rappresentato un punto di svolta per la casa bavarese, e non solo.

Arriverà a settembre la versione più matura e di maggior cilindrata del fortunato tre ruote giapponese. L'ABS è di serie

Altre quattro coppie di padri e figli legati a doppio filo alle corse in auto (più una di intrusi a due ruote), con destini spesso differenti, ma anche con qualche eccezione degna di nota

Lo storico atelier milanese declina in configurazione roadster la sportiva Disco Volante. Carrozzeria, da tradizione, in alluminio e base meccanica derivata dall’Alfa Romeo 8C Competizione. Il V8 4.7 eroga 450 cv. Ne verranno prodotti sette esemplari.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana