Google+

Tar, ovvero “Totale anarchia di regole”. Qualcuno argini i tribunali amministrativi

giugno 8, 2015 Maurizio Tortorella

Dalle bocciature scolastiche ai campionati di calcio, dall’edilizia al fisco, non c’è campo sul quale i giudici amministrativi non abbiano da intervenire

tarArticolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – È stato un maggio davvero caldo, per i Tribunali amministrativi regionali italiani. Il Tar del Lazio ha annullato la nomina, decisa nel dicembre 2014 dal Consiglio superiore della magistratura, del procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi: i giudici amministrativi hanno accolto un ricorso presentato da Sergio Lari, procuratore di Caltanissetta, e da Guido Lo Forte, procuratore di Messina, che entrambi reclamano per sé quel posto. Tutto da rifare. E non è un caso isolato, nelle “guerre di carriera” tra magistrati: alla fine di maggio anche il pubblico ministero palermitano Antonino Di Matteo ha fatto ricorso al Tar contro il Csm, che ai primi di aprile lo aveva bocciato come candidato inadeguato per la Procura nazionale antimafia. «Contro di me è stato perpetrato un abuso», sostiene il pm. Si vedrà.

Una cosa è certa: per l’accresciuto potere e per l’incredibile ampliamento della competenza dei Tar, la loro stessa sigla ormai ha cambiato significato e oggi vuole dire “Totale anarchia di regole”. I Tar sono un po’ il simbolo della giustizia italiana e del caos nel quale si agita: giudicano su tutto e su tutti. Esondano. Straripano. Alluvionano la giurisdizione. Dalle bocciature scolastiche ai campionati di calcio, dall’edilizia al fisco, non c’è campo dell’agire umano sul quale i giudici amministrativi non abbiano da intervenire, sindacare, decidere, ordinare, annullare.

Sempre in questo bollente maggio, e solo per fare pochi esempi casuali, è accaduto che a Caria, frazione di paesino con appena 240 abitanti dalle parti di Vibo Valentia, il Tar calabrese abbia decretato la riapertura dell’ufficio postale che era stato chiuso in febbraio dalle Poste perché costava troppo per quel pubblico così limitato. Ma è accaduto anche che il Tar delle Marche abbia ammesso la costruzione di un grosso rustico sul poetico ermo colle di Leopardi, a Recanati, censurando per la seconda volta la Soprintendenza alle belle arti che disperatamente cercava di opporsi. Mentre il Tar del Lazio (ancora lui) ha sospeso il taglio degli ulivi centenari deciso dalla Regione Puglia per cercare di ostacolare la diffusione della “Xylella fastidiosa”, l’orrido batterio killer che ha già contagiato un milione di alberi nel Salento e minaccia altri 15 milioni di piante.

Per fortuna c’è la Corte di cassazione. Che, per lo meno, ha frenato la verve dei Tar in campo penale. Il 25 maggio la Corte ha stabilito che non sia stato legittimo l’intervento del Tar napoletano che mesi fa aveva reintegrato nella carica i due sindaci di Napoli e di Salerno, Luigi De Magistris e Vincenzo De Luca, condannati in primo grado per reati contro la pubblica amministrazione e pertanto dichiarati decaduti dal prefetto in base alla legge Severino (varata alla fine del 2011). La Cassazione ha stabilito che la competenza sulla materia non spetta al Tar, ma al tribunale ordinario. Tutto da rifare, dunque. Con qualche secondaria incertezza sui risultati delle regionali campane del 31 maggio.

Attenzione però: lo stesso Tar di Napoli, sulla base della segnalazione del ricorrente De Magistris, nel frattempo ha sollevato una questione d’incostituzionalità della stessa legge Severino. Che cosa accadrà, adesso? La Corte costituzionale si fermerà? Dovrebbe, a rigor di logica giuridica. Se la Cassazione dice che un Tar non può decidere sull’applicazione della Severino, a maggior ragione non dovrebbe potersi occupare nemmeno della sua presunta incostituzionalità. Ma non è detto. Ricordatevi che, dopo tutto, siamo in Italia: il paese della Totale anarchia delle regole…

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. angelo says:

    paese TARocco

  2. darikko says:

    Invece quando è la Chiesa che si esprime su tutto (Titolo V della Costituzione, codice di procedura penale, finanza locale) è una figata, vero? Zitti i TAR, parlino le tonache.

  3. Raider says:

    Si discute di un problema che prescinde da connotazioni confessionali o anti-confessionali: e alle toghe si contrappongono le tonache: e addirittura, “la Chiesa si esprime su tutto”, cosa inaudita, cosa intollerabile, che la Chiesa faccia senti la sua voce sui problemi della società in cui viviamo, cattolici e non: e anche se, quanto a tacere, la Chiesa sull’attivismo interventistico dei T.A.R. non si è pronunciata. Si vorrebbe la “Chiesa del silenzio” e “i cattolici silenziati”. Poi, quando i cattolici stanno zitti e In Piedi, allora, no, non va bene neppure il silenzio dei cattolici.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi