Google+

Tar annulla elezioni in Piemonte (a ‘sto punto nominiamo Chiamparino senza nemmeno andare a votare)

gennaio 10, 2014 Redazione

Accettato a tre anni dalle elezioni il ricorso di Mercedes Bresso (Pd). Ora dovrà esprimersi il Consiglio di Stato, cui la Regione farà ricorso

Secondo i giudici il Piemonte deve tornare alle urne. Il Tar della regione ha, infatti, deciso di accettare il ricorso che era stato presentato dall’ex presidente Mercedes Bresso (Pd). La democratica aveva chiesto l’annullamento del risultato elettorale a causa di irregolarità commesse nella raccolta delle firme dalla lista Pensionati per Cota. Il consigliere regionale espresso dalla lista, Michele Giovine, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a due anni e otto mesi. Così, a tre anni dal risultato, la Regione dovrebbe tornare al voto, anche se l’ultima parola spetta al Consiglio di Stato, organo al quale la Regione ricorrerà per annullare la sentenza. L’attuale presidente Roberto Cota (Lega Nord), ha dichiarato: «Faremo ricorso al Consiglio di Stato contro questa vergognosa sentenza e io continuerò a fare il governatore. Chiederemo giustizia e lavorerò per costruire, nell’interesse dei piemontesi».

COTA: «HO TURBATO EQUILIBRI». In una recente intervista al settimanale Tempi, Cota, a proposito di questo e altri attacchi alla sua amministrazione, aveva detto: «Ho subito capito che la mia elezione aveva turbato gli equilibri di potere, specialmente nell’ambito della città di Torino». E proprio da Torino, sperano i suoi oppositori, potrebbe arrivare chi lo sostituirà: Sergio Chiamparino. Guarda un po’. Idea brillante? Chissà. Il sindaco Chiamparino ha lasciato Torino in mutande e il suo erede Fassino neanche con i salti mortali riesce a ripianare i bilanci. Però Chiamparino si presenta meglio della zarina, accusata dalla Corte dei Conti di aver nascosto parte di un debito che sotto la sua gestione, dal 2006 al 2010, è cresciuto del 64,4 per cento: passando da 3 miliardi e mezzo a quasi 6 miliardi.

IPOTESI COMMISSARIAMENTO. In conferenza stampa, il governatore Cota ha commentato la sentenza anticipando che «chiederemo giustizia. Io continuerò a fare il governatore, lavorerò nell’interesse dei piemontesi». Nella conferenza, che si è tenuta nel primo pomeriggio, Cota ha ribadito di essere «oggetto di una persecuzione senza pari da parte della sinistra che non riesce a vincere e cerca di ribaltare il risultato con l’arma giudiziaria». Il governatore intende ovviamente presentare ricorso al Consiglio di Stato, e può impugnare il ricorso immediatamente, anche senza attendere il deposito delle motivazioni. Ma la decisione del Tribunale amministrativo piemontese, presieduto da Lanfranco Balucani (a latere Paola Malanetto e Giovanni Pescatore), comporta la decandenza immediata della giunta e la sospensione di tutta l’attività in corso. Secondo il costituzionalista alla Luiss Gino Scaccia, intervistato dal Sole 24 Ore, «anche se non conosco le carte, mi pare che l’ipotesi più plausibile al momento è che il Governo nomini un commissario per svolgere l’attività di ordinaria amministrazione, o un prefetto esterno, con tre o quattro funzionari governativi, prepari le elezioni». Le nuove consultazioni dovrebbero tenersi, in questo caso, a primavera.

CHIAMPARINO SI PREPARA, LA LEGA SCENDE IN PIAZZA. Intanto l’attuale presidente di Compagnia di San Paolo, Sergio Chiamparino (Pd) ha già dato la sua disponibilità alla candidatura: «Se nei prossimi mesi si andrà al voto anticipato per la Regione Piemonte vi sarà la mia disponibilità ad un eventuale candidatura alla presidenza. Naturalmente  non dipenderà solo da me» ha detto l’ex sindaco di Torino, che pochi istanti dopo ha già ricevuto la benedizione del segretario Pd Matteo Renzi. Curiosità vuole che Chiamparino, proprio ieri, sia uscito del tutto indenne dall’indagine della procura di Torino sui gestori dei locali dei Murazzi per la quale era stato inizialmente indagato, e quindi tranquillamente può lavorare alle prossime elezioni. La Lega, il partito di Cota, intanto ha annunciato di voler scendere in piazza. Il segretario Matteo Salvini, definendo la sentenza «Un attacco alla democrazia» ha annunciato la ricandidatura di Cota «A testa alta» e una manifestazione in piazza Torino domani che si intitolerà “Giù le mani dal Piemonte”, «perché – ha spiegato Salvini – c’è tanta gente incazzata».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. mutandeverdi scrive:

    Nominare Chiamparino senza neanche andare a votare?
    Beh, perchè no, Chiamparino ha fatto per tanti anni il Sindaco di Torino senza che nessuno potesse accusarlo di avere rubato un Euro.
    Se però voi volete difendere uno che si faceva rimborsare due volte lo stesso pasto in due posti diversi, e si comprava pure le mutande coi vostri soldi, la dice lunga di come è ridotta una parte (per fortuna solo una parte) del cattolicesimo italiano.

  2. beppe scrive:

    il tribunale sportivo ha annullato la partita di calcio GIOVANI PADANI -GIOVANI DEMOCRATICI per invasione di campo non autorizzata. tra una settimana si disputerà perciò DI NUOVO il confronto calcistico GIOVANI PADANI-JUVENTUS.

  3. federica scrive:

    Mi risulta che la Regione Piemonte, sotto l’amministrazione Cota, abbia risparmiato 30 milioni di Euro all’anno, rispetto alla precedente. Se è vero, Cota lo voglio anche in Emilia Romagna, dove si ruba anche di più, e un paio di mutande gliele regalo io.

  4. Mario scrive:

    mutande verdi: ma ha danneggiato di più la tasca del cittadino il buco che ha lasciato a Torino Chiamparino e il falso in bilancio con 900 milioni lasciato dalla Bresso o la mutanda verde che Cota ha messo in carico alla segretaria? guardare il fuscello negli occhi degli altri e sorvolare sulla trave

  5. Antonio scrive:

    tar arrogante e sfacciatamente partigiano. Ma nell’italietta filo sovietica (gli asurdi ideali sono sempre quelli…) funziona così, se è di sinistra va bene, altrimenti allarme fascismo, zittire, infangare, annullare.

  6. luigi lupo scrive:

    Milionesimo articolo di Tempi contro i giudici. Se uno straniero dovesse farsi l’opinione su come funzione la magistratura in Italia leggendo Tempi penserebbe che viviamo tutti nel terrore di essere accusati di qualche cosa. La giustizia in Italia soffre di tanti mali e il principale è la lentezza con cui procede, e da ignorante, dico che questa lentezza è favorita dalle leggi, basti vedere a quali cavilli si aggrappava Berlusconi per non andare in tribunale e arrivare alla prescrizione. Cosa ha fatto la destra quando governava? Leggi a favore dell’accorciamento dei tempi di prescrizione, depenalizzazioni e lodi vari. Mentre si depenalizzava il falso in bilancio si inasprivano le leggi sul possesso di modiche quantità di droghe leggere. Così che abbiamo carceri piene di disperati e condannati per frode fiscali, mica per noccioline ma per milioni di euro, liberi di continuare a dichiararsi vittima delle toghe rosse. Bravi redattori di Tempi, continuiate così e continuate a difendere l’indifendibile. Il vostro continuare a parlare male dei giudici non è altro che il tentativo di delegittimare la magistratura per far apparire LUI come una vittima. Una domanda, ma le veline per questi articoli vi arrivano direttamente da Arcore a o di un certo avvocato?

  7. beppe scrive:

    riuscire a far uscire chiamparino da un procedimento e annullare le elezioni quasi nello stesse giorno ha dell’incredibile. ma i giudici ce l’hanno fatta. tanto per non destare sospetti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana