Google+

Tajani: «L’Italia saldi i propri debiti con le imprese. Tutti e in tempi brevi»

aprile 12, 2013 Matteo Rigamonti

Intervista a Antonio Tajani, vicecommissario europeo, che chiede di pagare subito i 90 miliardi di debito e di fare le riforme di cui il paese ha bisogno

Il governo ha sbloccato il pagamento della prima tranche dei debiti della pubblica amministrazione verso le imprese. Si tratta di 10 miliardi di euro dagli enti locali nel 2013, cui si sommano 5 miliardi per l’allentamento dei cordoni del Patto di stabilità e 500 milioni dalle amministrazioni pubbliche, come i ministeri. La seconda tranche dovrebbe arrivare nel 2014, ma siamo ancora lontani dall’ammontare totale dello stock di debito verso le imprese, pari a circa 90 miliardi di euro. Sempre che non siano di più. Una situazione che «preoccupa» l’Europa, anche se non in maniera «allarmistica», come spiega a tempi.it il vicecommissario della Commissione europea Antonio Tajani.

Vicepresidente Tajani, il ministero dell’Economia ha sbloccato il pagamento dei primi 10 miliardi di euro di debiti della pubblica amministrazione. Soddisfatto?
Indubbiamente è bene che lo Stato inizi a saldare i propri debiti con le imprese, ma è pur vero che bisogna pagarli tutti. E in tempi brevi. Questo chiede all’Italia il documento a firma mia e del vicepresidente Olli Rehn.

Crede che l’Italia non ce la farà?
Il tempo non manca. Ci sono ancora 24 mesi perché lo Stato possa pagare i suoi 90 miliardi di debiti alle imprese. Il decreto parla di 40 miliardi di euro da restituire entro la fine del 2014, ma non basta e bisogna fare in fretta. Anche perché i criteri stabiliti dal Fiscal Compact impongono che, a partire dal 2015, il debito pubblico inizi a calare e, allora, potrebbe diventare assai difficile pagare il pregresso.

Con che faccia lo Stato riscuote le tasse puntualmente, ma ritarda di due anni a saldare i propri debiti?
L’amministrazione pubblica non può chiedere ai cittadini di pagare le tasse, quando è lei stessa a non pagare i suoi debiti. Oltretutto, restituire i soldi sarebbe una boccata d’ossigeno, non soltanto per le imprese, ma anche per le casse dello Stato. Restituire tutti i 90 miliardi, infatti, sarebbe un’iniezione di liquidità incredibile per la nostra economia, che potrebbe far rientrare miliardi e miliardi in tasse e consumi.

I debiti della pubblica amministrazione (p.a.) ammontano a 90 miliardi o sono di più?
Questo è lo Stato italiano che deve dirlo, che è l’unico soggetto in grado di dire a quanto ammontano i debiti delle amministrazioni pubbliche, enti locali, regioni, province, aziende pubbliche e quant’altro.

L’Europa è preoccupata per la situazione dei conti pubblici italiani?
Bisognerebbe leggere il testo scritto dalla Commissione europea con attenzione, ma, ad ogni modo, preoccupazione ce n’è, anche se i toni non sono allarmistici.

Cosa resta da fare perché non lo diventino?
Riforme subito. Come la riforma del fisco, della burocrazia e della giustizia civile. Bisogna cambiare il volto di un’amministrazione pubblica che oggi è paralizzante. Per questo c’è bisogno di un governo stabile, capace di affrontare le emergenze.

L’Europa vigilerà su di noi?
La Commissione europea controllerà che venga applicata la prima direttiva pagamenti in vigore da gennaio. Controllerà che siano pagati tutti i debiti pregressi, che è l’inizio della soluzione. Ben venga il decreto, ma adesso bisogna evitare che intralci burocratici impediscano all’amministrazione pubblica di pagare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana