Google+

Messaggi con tag onu

epa05740860 The wreckage of a car is seen at the site where a car bomb exploded, near Italian Embassy in Tripoli, Libya, 21 January 2017 (issued 22 January 2017). A security source said the car bomb killed two people who were inside.  EPA/STR

Disastro Libia. L’Italia è sicura di avere l’appoggio europeo?

Le bombe esplodono vicino all'ambasciata italiana di Tripoli (l'unica per ora) e i partner europei latitano
Leone Grotti 27 gennaio, 2017
People walk down a street in Bustan Al Kasr neighbourhood after it was hit by airstrikes in mid-October 2016, in a piacture released today by MÈdecins sans frontiËres, 19 November 2016. ANSA/UFFICIO STAMPA MSF ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++

Siria. Il rebus della guerra come non ve l’hanno mai spiegato

Chi sta con chi, chi ha cambiato campo (più di una volta), gli interventi controproducenti di Stati Uniti e Onu. Intervista all’arcivescovo Jacques Behnan Hindo
Rodolfo Casadei 28 novembre, 2016
Ebrei in preghiera al Muro del Pianto, Gerusalemme, il 12 agosto 2012
ANSA/ Francesco Gerace

La grave risoluzione dell’Unesco e la furbizia da quattro soldi dell’Italia

I voti non possono cambiare la realtà, che è testarda, ma non possiamo scherzarci su, poiché causano eventi futuri, spostano gli equilibri. Bisogna dire la verità
Renato Farina 28 ottobre, 2016
FILE - In this March 5, 2011 file photo, an anti-government rebel sits with an anti-aircraft weapon in front an oil refinery in Ras Lanouf, eastern Libya. The United States France, Germany, Italy, Spain and Britain have called upon forces loyal to a Libyan general to withdraw from three eastern oil terminals seized earlier this week, in a statement Monday, Sept. 13, 2016. The oil-rich North African country slid into chaos after the 2011 uprising that toppled and killed Moammar Gadhafi. (AP Photo/Hussein Malla, File)

Libia. Il generale Haftar si prende i pozzi di petrolio e il governo appoggiato dall’Onu gli dichiara guerra

Mentre va avanti la battaglia per cacciare da Sirte l'Isis, Haftar, che controlla il Parlamento di Tobruk, ha conquistato i principali pozzi di petrolio che erano nelle mani di una milizia legata al governo Onu
Redazione 13 settembre, 2016
Ammainate le ultime bandiere nere dell'Isis nei palazzi di Sirte conquistati dalle milizie. Le ultime fotografie postate dalle forze libiche mostrano i combattenti in festa nel cortile del Centro Ouagadougou - ex quartier generale dello Stato islamico - mentre tengono in mano un vessillo del Califfato e dietro di loro sventola la bandiera della Libia.
ANSA/ALBINYAN AL MARSOUS MEDIA CENTER
+++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Libia. È cominciata la «battaglia finale» per strappare Sirte all’Isis

Ieri le milizie leali al governo di unità nazionale di Serraj sostenuto dall'Onu hanno subito pesanti perdite. Ma ai jihadisti restano solo due quartieri
Redazione 29 agosto, 2016
epa04868314 Flooded cafe chairs and table in the Ionian sea at the beach of Rhoda, Corfu, Greece, 31 July 2015.  EPA/FILIP SINGER

Lesbo. Chi aiuterà i greci, che hanno accolto migliaia di migranti e hanno perso il lavoro per la fuga dei turisti?

La popolazione locale ora è arrabbiata: «Nessuno si preoccupa di noi. E ora se osiamo lamentarci ci dicono che siamo fascisti. Ci candidano al premio Nobel, ma con quello non si mangia»
Leone Grotti 29 luglio, 2016
In this picture taken Tuesday, Feb. 23, 2016, a civilian fighter, holding the Libyan flag, walks in front of damaged buildings in Benghazi, Libya. Army units, backed by civilian fighters, cleared a major part of the eastern city of Islamic extremists Tuesday, following nearly two years of deadly fighting. (AP Photo/Mohammed el-Shaiky)

Sirte, chi sconfigge l’Isis accetterà di dividere il potere per una Libia unita?

I soldati di Misurata, che stanno per sconfiggere lo Stato islamico a Sirte per conto del governo appoggiato dall'Onu, non sembrano intenzionati a dialogare
Leone Grotti 11 luglio, 2016
yazidi-stato-islamico-facebook

Una commissione dell’Onu riconosce il genocidio dei yazidi da parte dell’Isis

Donne stuprate, schiavizzate, vendute, uccise. Così si distrugge una minoranza religiosa: «A migliaia ancora detenuti dai jihadisti»
Benedetta Frigerio 19 giugno, 2016
anders-kompass-onu-ansa

Centrafrica. Si dimette il diplomatico che scoprì gli abusi sui bambini dei soldati Onu

L'Onu non agiva per fermare gli abusi e Anders Kompass passò il dossier ai magistrati francesi. Sospeso per «condotta inappropriata», un tribunale gli ha dato ragione
Redazione 10 giugno, 2016
In this March 7, 2016 file photo, a man loyal to the Libyan armed forces prepares himself for clashes with Islamic State group militants west of Benghazi, Libya. Islamic State militants are fleeing their main bastion in Libya, a day after militiamen loyal to a U.N.-brokered government pushed into the central city of Sirte. Some militants have reportedly shaved off their beards to escape. The capture of Sirte capped an almost month-long effort by the militiamen to take the IS stronghold. The fighters, mostly from the western Libyan city of Misrata, have also dismantled a ìstage of horrorî in the city center that was used by IS for public beheadings. (AP Photo/Mohammed el-Shaiky, File)

Libia. Sirte, roccaforte dell’Isis, espugnata con l’aiuto di islamisti, inglesi e americani

Solo una settimana fa si parlava di una battaglia lunga e difficile. Invece ieri le truppe di Tripoli e Misurata sono entrate nel centro città, dove l'offensiva prosegue
Redazione 10 giugno, 2016
Pagine:«12345...24»
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download