Google+

Sweet Defeat, il secondo, prezioso cd di Jon Allen

giugno 13, 2011 Carlo Candiani

Può un misconosciuto e giovane songwriter essere paragonato ai giganti della musica pop-rock anni 70? Si, se il suo nome è Jon Allen e il suo secondo album si intitola Sweet Defeat, gioiello prezioso da ascoltare tutto d’un fiato

Se fosse un normale songwriter, il misconosciuto Jon Allen, qui al suo secondo lavoro, Sweet Defeat, potrebbe benissimo essere catalogato, dopo un primo e distratto ascolto come un clone, o, perlomeno un bigino vivente di una lunga lista di protagonisti del pop-rock-soul targati ’70: da Paul Mc Cartney a Van Morrison, da James Taylor agli Eagles, da Cat Stevens a Rod Stewart, da Elton John a Randy Newman. Ma dopo un attento ascolto, dalla naturalezza della composizione, dalla semplicità dell’interpretazione, dalla leggerezza della sua voce di carta vetrata, dall’umiltà con cui cerca l’attenzione dell’ascoltatore, dall’immediatezza cantabile delle canzoni e dalla commozione che lascia come scia di una cometa che appare una volta dopo duemila anni, siamo portati a credere che Jon Allen sia un extraterrestre.

Un alieno venuto da lontano, che dopo aver tenuto sotto osservazione la musica terrestre dalla notte del tempo, ha deciso, all’inizio della settima decade del secolo scorso, di ispirare con la sua creatività superiore quello che poi sarebbe diventato il gotha del rock mondiale. Solo così si spiega la sensazione che lascia l’ascolto del nuovo cd di Jon Allen, confermando la positiva sorpresa del suo primo lavoro del 2009 (Dead Man Suite). Attenzione: essendo Allen un marziano, non si affida a una distribuzione capillare dei suoi dischi, ma se vi piace (quasi impossibile il contrario!) dovrete prenotare il suo cd in un negozio (virtuale o in carne ed ossa) ben rifornito. Della Terra, naturalmente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana