Google+

L’organizzazione svizzera pro eutanasia Exit consentirà nelle sue strutture il «suicidio dovuto alla vecchiaia»

maggio 27, 2014 Redazione

La decisione presa lo scorso fine settimana durante l’incontro annuale dell’organizzazione ha suscitato critiche da parte dei medici elvetici: «Non siamo d’accordo e siamo preoccupati»

Exit, l’organizzazione svizzera che pratica l’eutanasia nelle sue strutture, ha inserito nel suo statuto la possibilità di chiedere il «suicidio per ragioni legate alla vecchiaia». La decisione presa lo scorso fine settimana durante l’incontro annuale dell’organizzazione ha suscitato critiche da parte dei medici elvetici.

DECISIONE DI EXIT. In Svizzera il suicidio assistito è legale e anche persone perfettamente sane possono richiederlo, nonostante su questo punto la legislazione non sia chiara e ogni organizzazione si regoli di fatto in modo differente. «Il suicidio assistito è un processo lungo. I dottori devono fare dei test e parlare ai pazienti per ore chiedendo di giustificare la motivazione della loro richiesta. I vecchi sentono di non avere le energie per tutto questo, che è una pratica poco dignitosa», ha dichiarato al Guardian il vicepresidente di Exit, Bernhard Sutter.

PROTESTA DEI MEDICI. I medici svizzeri però non sono d’accordo: «Non siamo d’accordo con la modifica dello statuto di Exit. Ci dà ragione di essere preoccupati perché non si può escludere che le persone anziane e sane possano subire pressioni perché si suicidino». Se anche si verificasse un caso del genere, l’organizzazione non lo verrebbe mai a sapere in base al nuovo statuto, dal momento che permette di non indagare a fondo le ragioni della scelta dell’eutanasia.

IL CASO GIUDIZIARIO. Exit ha deciso di cambiare lo statuto dopo aver difeso in tribunale il dottor Philippe Freiburghaus, condannato nel 2013 a una multa simbolica di 500 franchi per aver prescritto a un paziente di 89 anni il farmaco letale senza neanche fare una diagnosi della sua presunta malattia. Secondo la difesa il medico aveva «agito in modo compassionevole», dal momento che l’uomo «voleva morire a tutti i costi» senza passare per ulteriori analisi e «la sua storia clinica» portava a credere che avesse un cancro.
La condanna simbolica è stata poi ribaltata nell’aprile scorso e il medico è stato assolto, nonostante i giudici in primo grado avessero avvisato che si stava «varcando una soglia» pericolosa. Il nuovo statuto di Exit dimostra che avevano ragione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Simone says:

    “Perciò la questione fondamentale è: che cos’è per noi l’essenziale? L’essenziale è ciò che risponde alla domanda su come si fa a vivere.”

    Ebbene, oggi si è persa la risposta a questa domanda, ma forse si è persa pure la domanda.
    Alla faccia di tutti quelli che trovano nella scienza una riposta a tutto.
    Andate pure avanti voi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download