Google+

L’organizzazione svizzera pro eutanasia Exit consentirà nelle sue strutture il «suicidio dovuto alla vecchiaia»

maggio 27, 2014 Redazione

La decisione presa lo scorso fine settimana durante l’incontro annuale dell’organizzazione ha suscitato critiche da parte dei medici elvetici: «Non siamo d’accordo e siamo preoccupati»

Exit, l’organizzazione svizzera che pratica l’eutanasia nelle sue strutture, ha inserito nel suo statuto la possibilità di chiedere il «suicidio per ragioni legate alla vecchiaia». La decisione presa lo scorso fine settimana durante l’incontro annuale dell’organizzazione ha suscitato critiche da parte dei medici elvetici.

DECISIONE DI EXIT. In Svizzera il suicidio assistito è legale e anche persone perfettamente sane possono richiederlo, nonostante su questo punto la legislazione non sia chiara e ogni organizzazione si regoli di fatto in modo differente. «Il suicidio assistito è un processo lungo. I dottori devono fare dei test e parlare ai pazienti per ore chiedendo di giustificare la motivazione della loro richiesta. I vecchi sentono di non avere le energie per tutto questo, che è una pratica poco dignitosa», ha dichiarato al Guardian il vicepresidente di Exit, Bernhard Sutter.

PROTESTA DEI MEDICI. I medici svizzeri però non sono d’accordo: «Non siamo d’accordo con la modifica dello statuto di Exit. Ci dà ragione di essere preoccupati perché non si può escludere che le persone anziane e sane possano subire pressioni perché si suicidino». Se anche si verificasse un caso del genere, l’organizzazione non lo verrebbe mai a sapere in base al nuovo statuto, dal momento che permette di non indagare a fondo le ragioni della scelta dell’eutanasia.

IL CASO GIUDIZIARIO. Exit ha deciso di cambiare lo statuto dopo aver difeso in tribunale il dottor Philippe Freiburghaus, condannato nel 2013 a una multa simbolica di 500 franchi per aver prescritto a un paziente di 89 anni il farmaco letale senza neanche fare una diagnosi della sua presunta malattia. Secondo la difesa il medico aveva «agito in modo compassionevole», dal momento che l’uomo «voleva morire a tutti i costi» senza passare per ulteriori analisi e «la sua storia clinica» portava a credere che avesse un cancro.
La condanna simbolica è stata poi ribaltata nell’aprile scorso e il medico è stato assolto, nonostante i giudici in primo grado avessero avvisato che si stava «varcando una soglia» pericolosa. Il nuovo statuto di Exit dimostra che avevano ragione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Simone scrive:

    “Perciò la questione fondamentale è: che cos’è per noi l’essenziale? L’essenziale è ciò che risponde alla domanda su come si fa a vivere.”

    Ebbene, oggi si è persa la risposta a questa domanda, ma forse si è persa pure la domanda.
    Alla faccia di tutti quelli che trovano nella scienza una riposta a tutto.
    Andate pure avanti voi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana