Google+

Svizzera al voto per escludere l’aborto dall’assicurazione sanitaria obbligatoria: «Non è una malattia»

febbraio 8, 2014 Redazione

I sondaggi non sorridono ai promotori dell’iniziativa, è contrario ili 60 per cento degli abitanti

È giusto che i costi dell’aborto siano coperti dall’assicurazione sanitaria obbligatoria? Questo è il principale quesito su cui domani, domenica 9 febbraio, dovranno esprimersi gli svizzeri in un referendum che riguarda anche temi legati all’immigrazione, al trasporto ferroviario e all’embrioriduzione, cioè la riduzione del numero di embrioni ottenuti mediante fecondazione in vitro e successivamente impiantati nell’utero.

SONDAGGI, VINCE IL “NO”. I sondaggi non sorridono ai promotori dell’iniziativa e gli svizzeri favorevoli al mantenimento della copertura sanitaria obbligatoria si aggirano intorno al 60 per cento. I promotori del referendum affermano che l’intenzione non è quella di mettere in discussione la possibilità di abortire, ma il fatto che la pratica sia finanziata dallo Stato anche con i soldi di chi è contrario. «L’aborto non è una malattia», affermano il partito popolare svizzero, il partito evangelico svizzero e i popolari democratici.

ALTA LA VENDITA DI PILLOLE. La campagna per il “no” fa leva sul fatto che la nuova proposta rappresenta una minaccia ai «diritti fondamentali» della donna, che come sancisce l’Oms deve poter beneficiare del miglior stato di salute possibile. L’aborto in Svizzera è legale dal 2002 e fu introdotto proprio tramite referendum con il favore di oltre il 70 per cento dei votanti. Nel 2010 si sono verificati nel paese 11.092 interruzioni di gravidanza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Silvana says:

    Qualcuno sa il risultato del referendum??? Dovrebbero farlo anche in Italia!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.