Google+

«Sviluppi positivi e progressi» nelle relazioni tra Vaticano e Vietnam comunista

febbraio 29, 2012 Leone Grotti

È terminato oggi l’incontro tra la delegazione vaticana e quella comunista, durato due giorni nella capitale Hanoi. Il gruppo di lavoro congiunto, che si incontra quest’anno per la terza volta dal 2009, ha lo scopo di instaurare relazioni diplomatiche stabili tra la Santa Sede e il Vietnam, guidato dal 1976 da un governo comunista che ancora perseguita i cristiani.

«Le due parti hanno condiviso la valutazione che i rapporti tra il Vietnam e la Santa Sede hanno ottenuto sviluppi positivi sulla base della buona volontà e del dialogo costruttivo, come anche del rispetto dei principi nella relazione». Recita così il comunicato stampa congiunto emesso al termine del terzo incontro del gruppo di lavoro tra rappresentanti della Santa Sede e il governo comunista del Vietnam. L’obiettivo della riunione, cominciata ieri e terminata oggi nella capitale Hanoi, è instaurare relazioni diplomatiche bilaterali tra il Vaticano e il paese comunista. La delegazione vietnamita era guidata dal viceministro degli Esteri Bui Thanh Son, quella vaticana dal vescovo Ettore Balestrero, sottosegretario alle relazioni con gli Stati.

Il Vietnam ha la seconda comunità cattolica più grande del sudest asiatico dopo le Filippine e conta più di 6 milioni di cattolici su una popolazione di 89 milioni a maggioranza buddista. Nonostante la Costituzione preveda formalmente il rispetto della libertà religiosa, “incidenti” e persecuzioni dei cattolici si verificano frequentemente da parte del regime, che ha preso il potere nel 1976 invadendo il Sud e riunificando il paese. Il governo confisca spesso i terreni della Chiesa e dei cattolici, impedisce ai sacerdoti di celebrare funzioni religiose con pestaggi e fermi. Il 23 febbraio scorso, ad esempio, padre Luy Gonzaga Nguyễn Quang Hoa, dopo aver celebrato esequie in un villaggio, è stato picchiato con sbarre di ferro da tre teppisti. Come rivela AsiaNews, le autorità locali usano “gruppi di teppisti”, talvolta armati, per esercitare violenza verso i religiosi o i fedeli.

Secondo il comunicato congiunto, «le due parti hanno preso in esame questioni internazionali, si sono scambiate informazioni a riguardo della loro rispettiva situazione, hanno analizzato i progressi compiuti nei rapporti Vietnam – Santa Sede dal secondo incontro del gruppo di lavoro congiunto Vietnam – Santa Sede ed hanno discusso le questioni inerenti la Chiesa Cattolica in Vietnam». Come già avvenuto al termine del primo incontro, avvenuto nel febbraio del 2009, la Chiesa cattolica «prende nota» – che nel linguaggio diplomatico significa “non coincidenza di vedute” – delle «considerazioni» del governo, e cioè che lo «Stato del Vietnam ha sempre attuato ed ha continuamente migliorato la politica di rispetto e di garanzia della libertà di credo e di religione per il popolo. Ha incoraggiato la Chiesa Cattolica in Vietnam a partecipare attivamente ed effettivamente nel corso attuale dello sviluppo nazionale, economico e sociale».

Positivo quanto uscito sull’Inviato speciale Leopoldo Girelli, che è stato nominato dal Vaticano dopo che nel dicembre 2009 papa Benedetto XVI ha incontrato il presidente del Vietnam, Nguyen Minh Triet. Durante il secondo incontro infatti, avvenuto in Vaticano il 23 e 24 giugno 2010, il governo vietnamita e la Santa Sede hanno raggiunto un accordo che ha permesso al Vaticano di nominare un rappresentante per il paese asiatico «con grande compiacimento». Recita il comunicato: «La Santa Sede ha formulato l’auspicio che il ruolo e la missione [dell’arcivescovo Girelli] siano rafforzati ed estesi, affinché vengano consolidati i legami tra la Santa Sede e la Chiesa Cattolica in Vietnam, come anche l’intenzione del Vietnam e della Santa Sede di sviluppare i loro rapporti. Entrambe le parti hanno convenuto di facilitare il lavoro dell’Arcivescovo Girelli, perché egli possa svolgere meglio la sua missione. Inoltre, entrambe le parti hanno richiamato gli insegnamenti di Sua Santità Papa Benedetto XVI sul vivere il Vangelo all’interno della Nazione, nonché le Sue considerazioni sull’essere un buon cattolico e un buon cittadino».
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana