Google+

Suore Usa contro Vaticano: «Siete pro feto e non pensate ai poveri»

luglio 21, 2012 Benedetta Frigerio

Mettono in dubbio l’Eucarestia, la Trinità, la sacralità della vita e la differenza sessuale. Sono le religiose legate al Lcwr, che contestano apertamente la dottrina cattolica

Il 18 aprile scorso la Congregazione per la dottrina della fede, in seguito a un’inchiesta ordinata da Benedetto XVI nel 2008, aveva commissariato la Leadership Conference of Women Religious (Lcwr), che riunisce circa l’80 per cento delle religiose degli Stati Uniti, per «le posizioni radicalmente femministe incompatibili con la fede» e per essersi «allontanata dal centro cristologico fondamentale e dal focus della consacrazione religiosa».

L’indagine aveva portato alla luce documenti a favore dell’aborto e della contraccezione. E parlava di una vita sacramentale e liturgica marginale, quando non addirittura messa in discussione. Finora la Lcwr aveva risposto al giudizio con un documento in cui si sottolineava che le accuse erano prive di fondamento e pericolose per la missione delle suore. Ora, però, si è spinta più in là. Rompendo il silenzio tramite un’intervista rilasciata alla National Public Radio americana, la sua presidentessa, Pat Farrell (in foto), ha accusato la Chiesa di rigidità e insensibilità, sottolineando che «a volte non c’è una così netta differenza tra nero e bianco, ma le situazioni sono più complesse da districare e cambiano sotto i nostri occhi». Per questo, secondo la Farrell, «occorrerebbe rivisitare l’insegnamento e l’interpretazione della dottrina che non può rimanere statica». Non cose di poco conto, in verità, visto che la Lcwr è arrivata a mettere in discussione l’Eucarestia, la Trinità, la sacralità della vita e la differenza sessuale.

Le Farrell ha poi accusato la Chiesa di «chiusura» e dell’incapacità di contribuire a «un clima di sincerità e rispetto», dato che «la Congregazione vaticana va in tutt’altra direzione». Non solo, secondo la donna, la gerarchia sarebbe incapace di comprendere i problemi, non avendo «il compito di passare le sue giornate fra i senza tetto, ma le religiose sì». E ancora: «Come religiose siamo quotidianamente a contatto con le donne che vivono anche ai margini della società e le loro vite sono assai più complicate di quanto si possa immaginare. La nostra missione è quella di porci al fianco dei più poveri, ma le loro questioni, come tutte le realtà umane, sono molto meno bianco/nero di certa teoria».

Insomma, davanti al dramma della fame, della povertà e della malattia, citato dalla suora nell’intervista, l’azione politica conterebbe di più dell’azione salvifica: «Sostenere la vita tutta significa occuparsi di coloro che stanno ai margini della società», mentre quella della Chiesa «ci sembra una questione di essere pro-feto, invece che pro-life. La Chiesa parla a favore del feto, e tace su altre questioni». Le parole della Farrel sembrano così confermare le accuse rivolte alla Lwcr dalla Conferenza per la dottrina della fede che parlava di «posizioni radicalmente femministe incompatibili con la fede», tipiche del socialismo di stampo progressista, per cui la felicità dell’uomo sta nella sua evoluzione materiale più che nella persona di Cristo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Andrebbero tutte ridotte allo stato laicale, ma temo che come al solito nella Chiesa prevarrà l’idolatria per il dialogo e questa metastasi andrà ad estendersi ad altri tessuti della Chiesa.

  2. Tribute to Thomas More scrive:

    Quanta ipocrisia nelle affermazioni di questa Farrell…che si schiera a favore “dei poveri”!

    …Cara “suora” ….: chi è più povero di un bambino indifeso che non ha nemmeno voce per dire: “Vi prego, lasciatemi vivere”????

    Chi è più povero di questo bambino????

    La Chiesa è l’unico organismo al mondo rimasto a difendere la vita….altro che stronzate sui vari codici da Vinci !!!

  3. paolo delfini scrive:

    VERAMENTE CI SONO TANTI CATTOLICI CHE TUTELANO LA VITA DAL CONCEPIMENTO E CI SONO TANTI CATTOLICI CHE, IN TUTTO IL MONDO. AIUTANO LE FAMIGLIE POVERE,QUINDI LE SUORE AMERICANE IN OGGETTO NON SONO BENE INFORMATE.COMUNQUE LA CHIESA CATTOLICA E’ UNA REALTA’ COMPOSTA DA CENTINAIA DI MILIONI DI PERSONE, NON E’ COSTITUITA SOLO DAGLI ECCLESIATICI CHE ABITANO IN VATICANO.

  4. pietro leoni scrive:

    che tristezza! Rispondeva Tommaso Moro, nel bellissimo film di fred zinneman, al conte di Norfolk che lo invitava a sottoscrivere la richiesta del re per poter sposare Anna Bolena, “vedi per me è come avere acqua pura in un mano, se firmo si disperde tutta”.

  5. 0527881474 scrive:

    La Farrel deve essere un’accanita lettrice del Fatto Quotidiano……

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana