Google+

Sull’amnistia non basta stare con Pannella. Bisogna stare anche con le ragioni di Pannella

dicembre 18, 2012 Luigi Amicone

Sono in apprensione per la vita di Pannella, ma si guardano bene dal sostenere le ragioni per cui Pannella sta mettendo a rischio la propria vita. Forza giacobini scalfariani, cosa aspettate?

Sono in apprensione per la vita di Pannella, ma si guardano bene dal sostenere le ragioni per cui Pannella sta mettendo a rischio la propria vita. È piuttosto curioso che Repubblica scopra solo adesso e solo nel suo risvolto umanitario, la protesta con cui il leader radicale tenta di inchiodare alla verità (e attenzione: alla pura e semplice verità dello stato di diritto, non altro) le istituzioni.

Amnistia e indulto per i detenuti nelle carceri italiane. Non per clemenza, o non soltanto per clemenza giovanpaolina sostiene Pannella, ma per realizzare proprio ciò che voi stessi predicate, o gentili giacobini scalfariani, o cari bellimbusti kantiani, o soavi Pravde dell’umanesimo democrat.  Non sostenete forse, e non diffondete ovunque, e con che spocchia: onestà, trasparenza, legalità? Ebbene: cosa aspettate a scatenare una onesta, trasparente, legalitaria campagna per l’amnistia e l’indulto, oppure, in alternativa, a convocare i popoli della rete, dei post-it e dell’antibavaglio, per chiudere le illegali carceri italiane così come vi battete per chiudere le presunte illegali notti di Arcore, l’evasione fiscale, le manifatture stile Ilva?

Lo Stato italiano esige onestà, trasparenza e legalità da una posizione di disonestà, opacità, illegalità conclamate e flagranti, certificate dall’Alta Corte Europea per i diritti umani, dalle convenzioni internazionali e dalle stesse leggi e Costituzione italiane. Forza, onesti. Forza uomini-citizen. Agite con tempestività e coerenza. O sapete, tutto è menzogna quello che anche di soave e di umanitario scrivete dalla prima all’ultima riga, grufolando come topini con il berretto frigio nella formaggeria dello Stato dei briganti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Antonio says:

    Bobby Sands ha fatto un solo scipero della fame, ed è morto. Tra l’altro contro la Thatcher, che voi amate. Marco Pannella ne avrà fatti 500, di scioperi, ed è ancora tra noi a rompere i coglioni. Per carità di patria non dico cosa penso della vostra alleanza –voi sareste cattolici?– con quest’uomo immondo, uno dei maggiori responsabili della attuale legislazione anticristiana in Italia, che voi (in teoria) avversate. Ma, d’altra parte, siete anche amici di Andreotti, che firmò la legge per l’aborto perchè “altrimenti il governo sarebe caduto”. In realtà, l’unico “valore negoziabile”, come dimostra il recente accordo con Monti, è il potere, per voi ciellini.

    • Paolo says:

      Legislazione anticristiana in Italia? Sul serio? Ma in che paese vivi?

      • Antonio says:

        Perchè, divorzio e aborto sono misure cristiane? La famiglia, poi, è molto aiutata, non c’è dubbio, e dopo il massone mondialista a capo del governo ancora di più. Io vivo in Italia, Lei forse guarda troppa TV per dire qualcosa di sensato.

    • Marco says:

      Se io avessi fatto un decimo degli scioperi della fame che ha fatto (o meglio dice di aver fatto) Pannella per le più svariate cazzate, sarei 15 kg! Questo però non toglie che se per una volta si batte per una causa giusta gli si possa dire che ha ragione.

      PS: la legislazione italiana sicuramente non è a favore della famiglia (o di chi una famiglia la vuole fare), ma di certo ancora non è anticristiana

    • malta says:

      concordo su pannella. da pannella come cristiani si rifiuta tutto.
      da cl-ino dico che mi fa schifo tempi quando propone alleanze coi radicali, mastri massoni
      tra l’altro aspetto un bell’articolo sui 10M€ a radioradicale con firma Farina e Vignali (no Lupi) per i quali mi aspetto una sontuosa tirata di orecchi.
      sul fatto cl-potere, antonio, sono stronzate propinate da repubblica e fam.(anti)cristiana

  2. Enrico says:

    Nessun timore a mischiarsi con peccatori (come me) o nemici della vita e spesso del buon senso. In questo caso sostengo Pannella anche se, paradossalmente, mi viene da pensare che sta patendo ciò che ha patito Eluana Englaro. Solo che lui può scegliere di alimentarsi.

  3. malta says:

    meglio non stare mai con Pannella, maestro di doppiezza

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.