Google+

Svizzera. Prescrive farmaco letale senza visitare il paziente. Multa simbolica di 500 franchi

luglio 10, 2013 Leone Grotti

Philippe Freiburghaus è stato condannato a pagare un’ammenda simbolica per infrazione della legge: ha diagnosticato un cancro allo stadio terminale senza neanche un’analisi

Il dottor Philippe Freiburghaus (nella foto) è stato condannato a una multa simbolica di 500 franchi svizzeri per aver prescritto a un paziente il farmaco letale utilizzato nei casi di suicidio assistito senza neanche fare una diagnosi completa della malattia.

CONTRO LA LEGGE. La corte svizzera di Boudry, nel cantone di Neuchâtel, ha dichiarato lunedì scorso che il medico ha «varcato una soglia» pericolosa, prescrivendo il farmaco senza rispettare i criteri previsti dalla legge. Il suicidio assistito, infatti, è permesso in Svizzera quando il paziente Ha una malattia mortale e meno di sei mesi di aspettativa di vita. Freiburghaus, con una visita di appena 20 minuti e senza eseguire analisi, ha stabilito che il paziente aveva un cancro e gli ha prescritto il farmaco letale.

AZIONE COMPASSIONEVOLE. Secondo la difesa, il medico ha «agito in modo compassionevole», dal momento che l’uomo «voleva morire a tutti i costi» e «la sua storia clinica» portava a credere che avesse un cancro. «Presto un medico non potrà fare niente senza contravvenire a qualche sottigliezza legale. Mi sembra di essere nel regno dell’assurdo: quell’uomo voleva morire e se mi ritroverò in futuro davanti a un caso simile agirò allo stesso modo», si è difeso Freiburghaus, secondo cui l’infrazione della legge è un dettaglio trascurabile.

DIRITTO A MORIRE. L’uomo è appoggiato dall’associazione per l’aiuto al suicidio Exit, che ha dichiarato dopo il verdetto: «È inaccettabile, così si vuole intimidire i medici». L’avvocato di Freiburghaus ha assicurato che farà ricorso e che lui e il suo assistito sono pronti anche ad andare davanti alla Corte europea per i diritti umani. «L’opinione pubblica è con noi», chiosa il medico. È la prima volta che in Svizzera si chiede di considerare il diritto a morire più importante delle disposizioni di legge.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download