Google+

Sudan, divieto di costruire chiese. «Cristiani trattati come cittadini di seconda classe»

luglio 14, 2014 Redazione

Il governo sudanese ha annunciato il blocco dei permessi per erigere nuovi edifici di culto. I cristiani vengono perseguitati e discriminati

chiese-demolite-khartoum-sudan-islam-shariaIl governo sudanese, attraverso il ministro degli Affari religiosi, Shalil Abdullah, ha annunciato il blocco dei permessi per la costruzione di nuove chiese. Lo afferma l’agenzia Fides, secondo cui il ministro ha motivato la sua decisione spiegando che è la conseguenza della riduzione del numero dei fedeli. Pochi fedeli non hanno bisogno di nuove chiese è, nella sostanza, il ragionamento.
Le cose non stanno esattamente così. Come vi abbiamo già raccontato, da quando il Sud Sudan, a stragrande maggioranza cristiano, si è dichiarato indipendente, tutti i cristiani stranieri sono stati espulsi dal Sudan, abitato per oltre il 70 per cento da musulmani. Molte chiese sono state distrutte con la scusa che dovevano trasferirsi da Khartoum a Juba. Il presidente Omar Al Bashir ha inoltre promesso di applicare un’inflessibile versione della sharia.

CHIESA DEMOLITA. Recentemente vi abbiamo narrato la vicenda della Chiesa di Cristo eretta nel quartiere Thiba Al Hamyida di Khartoum, capitale del Sudan. La chiesa è stata demolita dalle autorità lo scorso 30 giugno, con un solo giorno di preavviso. Con fucili e gas lacrimogeni le forze dell’ordine sono intervenute per evitare che i fedeli si opponessero. Kwa Shamal, pastore della congregazione, ha spiegato che la polizia è intervenuta durante la funzione avvisando i 430 fedeli di lasciare la chiesa senza dare spiegazioni sul motivo della demolizione.

CITTADINI DI SERIE B. La Chiesa cattolica lamenta questo tipo di discriminazioni e soprusi e, in una nota inviata e pubblicata da Fides, ricorda che «sebbene la costituzione garantisca pari diritti a tutti i sudanesi, senza alcuna distinzione di credo, i cristiani sono considerati e trattati come cittadini di seconda classe. I membri del clero non possono ottenere il passaporto, e quando lasciano il Paese non sanno mai se potranno farvi ritorno. Molti sacerdoti sono stati espulsi ed i vescovi sono costretti al silenzio perché non possono esprimere liberamente le proprie opinioni».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. augusto says:

    Dire che i Cristiani nel mondo islamista siano cittadini di seconda classe è un diplomatico eufemismo,Grazie per il coraggioso articolo.,comunque.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.