Google+

Su Jobs Act e taglio del cuneo fiscale Renzi farebbe bene a studiare cosa ha già fatto la Spagna

marzo 12, 2014 Matteo Rigamonti

Il decentramento a livello aziendale e territoriale della contrattazione ha permesso a Madrid di uscire dal tunnel della disoccupazione e porre le premesse per la crescita, ripristinando le condizioni per investire

Ricetta spagnola per curare il mercato del lavoro italiano. In attesa che il premier Renzi sciolga le riserve su taglio del cuneo fiscale e Jobs Act, vale la pena ricordare cos’ha fatto la Spagna per provare a ridurre una disoccupazione altissima, pari al 27 per cento, e rilanciare la crescita trainata dall’export. Il governo di Madrid, infatti, ha adottato un approccio che, perlomeno, potrebbe dare qualche spunto anche a un’Italia così in crisi di produttività per ripristinare la competitività del Paese e ricreare le condizioni per attrarre investimenti esteri.

UNA RIFORMA «AGGRESSIVA». Anzitutto, la Spagna ha adottato una riforma «estremamente aggressiva» del mercato del lavoro, come l’ha definita il ministro dell’Economia Luis de Guindos, che rende meno costosi i licenziamenti per le imprese in crisi; una ricetta che è già stata sperimentata con il gruppo Tragsa, la società incaricata del servizio di raccolta rifiuti a Madrid. Ma non si tratta esclusivamente di licenziamenti più facili: il «fattore di successo della riforma del lavoro spagnola, che ha invertito la tendenza all’aumento della disoccupazione e che ora sta recuperando centomila posti al quadrimestre – spiega il Foglio in un editoriale – è il decentramento a livello aziendale e territoriale della contrattazione, senza vincoli di omogeneità nazionale, una contrattazione che investe orari e retribuzioni e che ha consentito a molte imprese di passare dalla pratica del licenziamento a una modulazione della presenza della mano d’opera in relazione ai carichi di lavoro».

MODELLO MARCHIONNE. In pratica proprio la ricetta suggerita a Renzi dall’economista Francesco Forte e da lui stesso ribattezzata in un’intervista a tempi.it, come «riforma Marchionne, un modello che ha funzionato a Detroit, funziona in Germania e può funzionare persino a Castellammare di Stabia». Una riforma che «può generare produttività nell’immediato, che è ciò di cui ha più bisogno l’Italia». Come la Spagna, del resto, dove, spiega ancora il Foglio, «la riduzione dei costi produttivi e l’aumento della flessibilità hanno favorito un recupero nelle esportazioni, che è stato alla base della ripresa. A questo – prosegue il Foglio – in Spagna si è arrivati, nonostante l’iniziale contrarietà assoluta dei sindacati, quando la disoccupazione ha raggiunto un quarto delle forze di lavoro. C’è da sperare che da noi, dove questo tasso è la metà, non si aspetti di raggiungere quel tragico record per adottare misure di flessibilità come quelle spagnole, che l’allora analista principe dell’Ocse, Carlo Padoan, aveva indicato come esempio da seguire».

MENO TASSE, PIÙ PRODUTTIVITÀ. A queste misure, in Spagna, se ne sono associate anche altre di impulso alla produttività e sgravi fiscali, come, per esempio, una detrazione pari a 3 mila euro per le Pmi con meno di cinquanta dipendenti intenzionate ad assumere una persona a tempo indeterminato. Interventi che, come ha spiegato Andrea Giuricin dell’Istituto Bruno Leoni a tempi.it, rispondono alla ratio di «dare un impulso al mercato del lavoro, abbattendo il costo del lavoro per unità prodotta», che aggrava eccessivamente la produzione italiana nel confronto europeo e mondiale. Il combinato disposto di tasse come l’Irpef, l’Ires e l’Irap, infatti, confermava già a tempi.it Enrico Morando (Pd), oggi viceministro all’Economia, «è sopra la norma». Senza considerare i contributi previdenziali che un’azienda è tenuta a corrispondere all’Inps e che fanno sì che il cuneo fiscale in Italia raggiunga il 54 per cento del costo del lavoro. Uno dei più elevati al mondo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei says:

    bell’articolo. ma sono solo speranze.

  2. carolus says:

    Solamente dei retrogradi beceri come i comunisti e sindacati allineati non capiscono che non se ne può più di subire i mali che hanno fatto al Paese.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi