Google+

“Cari studenti di teologia, attenzione: le immagini di crocefissione potrebbero disturbarvi”

gennaio 10, 2017 Redazione

Nelle università anglosassoni ormai c’è un “trigger warning” su qualunque cosa. Perfino sugli episodi del Vangelo e sugli animali morti nei laboratori di veterinaria

passion-mel-gibson-crocefissione

Nell’epoca dei “safe space”, le università britanniche sembrano preoccuparsi più di non traumatizzare i loro fragili studenti Millennials che di educarli. Ormai c’è un “trigger warning” per ogni cosa. Gli studenti di medicina devono essere avvertiti che vedranno sangue, quelli di letteratura vengono informati che leggeranno libri scritti da persone che vedevano il mondo in maniera diversa da loro, e ora a quanto pare perfino gli studenti di teologia ricevono il loro bravo allarme: attenzione, questo corso contiene scene esplicite di crocefissione.

FIOCCHI DI NEVE. I “trigger warning” sono avvertenze fornite agli studenti all’inizio dei corsi o di singole lezioni a riguardo della “sensibilità” degli argomenti affrontati, temi che potrebbero far scattare negli uditori reazioni di disagio. Negli atenei del mondo anglosassone questi avvisi si stanno moltiplicando a dismisura. In teoria servono per tutelare gli studenti da potenziali shock psicologici dovuti ai contenuti trasmessi dai professori, ma secondo molti osservatori (vedi Claire Fox su Tempi ma anche Timothy Garton Ash) stanno solo contribuendo a chiudere in una teca di vetro i ragazzi della “generazione fiocco di neve”. E poi, quando si comincia, non si finisce più. In effetti alcuni dei “trigger warning” elencati da un recente articolo del Daily Mail appaiono davvero eccessivi (eufemismo).

TEOLOGI E VETERINARI. Il più incredibile è proprio quello destinato agli iscritti al corso di “Introduzione alla Bibbia” nella facoltà di Teologia della University of Glasgow. Secondo il quotidiano britannico, l’istituto avvisa che una certa lezione sulla figura di Gesù nella storia del cinema «contiene scene della crocefissione, e questo viene segnalato agli studenti in anticipo». Ma c’è un trigger warning anche per gli aspiranti futuri veterinari, i quali devono sapere che «lavoreranno con animali morti». Mentre chi intende partecipare al corso sulla “società contemporanea” viene messo in guardia dai riferimenti a violenza e malattie.

OCCHIO ANCHE AL GENDER. Alla Strathclyde University, sempre a Glasgow, i giovani che frequentano il corso di medicina legale ricevono un «avvertimento verbale all’inizio delle lezioni in cui sono presentate immagini sensibili», ossia quelle che contengono «tracce di sangue, scene del crimine, cadaveri eccetera». E secondo il Daily Mail c’è un trigger warning anche per gli studenti di “gender studies” alla Stirling University: «Non possiamo escludere la possibilità che vi imbattiate in materiale “triggering”, e vi invitiamo ad assumere tutte le necessarie precauzioni per prendervi cura di voi stessi durante il programma». Naturalmente chi, nonostante le avvertenze, decida di partecipare al corso a poi rimanga effettivamente scioccato, «può lasciare la classe in qualunque momento, ma è pregato di ripresentarsi successivamente il giorno stesso per farci sapere come sta».

LE OSSA SONO MACABRE. Nella stessa università nel corso di archeologia è stato appioppato un trigger warning preventivo a «una foto di un PowerPoint che rappresenta un corpo ben conservato in un sito archeologico». La segnalazione è ritenuta necessaria perché l’immagine potrebbe risultare «un po’ macabra». A settembre il professor Tony Pollard, che lavora proprio alla University of Glasgow, in un intervento ospitato da The Conversation ha difeso un collega di archeologia di Londra dal sarcasmo del Daily Mail e di altre testate a riguardo dei suoi trigger warning sulle ossa dei nostri antenati. Nell’articolo il docente rivendicava di fornire a sua volta ai propri studenti analoghe avvertenze. Pollard insegna Storia dei conflitti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana