Google+

Studente francese si unisce ai jihadisti in Siria e racconta: «Vogliamo lo Stato islamico, là siamo tutti Al Qaeda»

dicembre 10, 2013 Redazione

Il ragazzo di 25 anni ha rilasciato un’intervista alla Bbc dopo aver lasciato gli stessi jihadisti che in Siria hanno rapito due giornalisti spagnoli del quotidiano El Mundo

«Lavoravo con una piccola Ong al confine con la Siria. Poi, quando sono entrato nel paese, sono stato reclutato in una brigata jihadista insieme a ceceni, russi e sauditi». Così uno studente francese di 25 anni racconta alla Bbc come si è unito alla guerra contro il regime di Bashar Al Assad.

«SIAMO TUTTI AL QAEDA». Lo studente, che per sicurezza vuole restare anonimo, oggi è tornato in Francia e ha accettato di parlare all’emittente inglese. «Il nostro obiettivo era abbattere il regime di Assad per salvare i nostri fratelli musulmani. Lo scopo finale è quello di rendere la Siria uno Stato islamico con la sharia. Dal punto di vista dell’ideologia e del modo di pensare, siamo tutti Al Qaeda in Siria».

«VOGLIAMO LO STATO ISLAMICO». Il ragazzo descrive la guerra in Siria come una battaglia tra sunniti e sciiti: «Noi combattevamo gli sciiti, che non sono una setta dell’islam, ci sono troppe differenze con noi sunniti. Sul campo di battaglia è giusto ucciderli e nelle aree che controllavamo, li obbligavamo a non chiamarsi più musulmani».
Quando la sua brigata si è unita allo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), la fazione legata ad Al Qaeda più forte e violenta in Siria, lo studente ha deciso di tornare indietro: «Me ne sono andato perché la mia brigata si è unita all’Isil. Non tutte le idee di Al Qaeda sono giuste, noi dovevamo uccidere gli infedeli ma questo non è corretto, non ha basi nel Corano. Noi come loro vogliamo uno Stato islamico ma il modo in cui Al Qaeda cerca di ottenerlo è sbagliato». Secondo il francese, «gli occidentali sono il terzo gruppo straniero più grande a combattere in Siria. È tutta gente estremista che ha la stessa ideologia di chi ha compiuto l’attacco dell’11 settembre».

I CRIMINI DEI JIHADISTI. Intanto, gli stessi gruppi legati ad Al Qaeda da cui lo studente si è voluto staccare hanno rapito due giornalisti del quotidiano El Mundo. Si tratta di Javier Espinosa e Ricardo Garcia Vilanova e secondo quanto riportato dal sito del giornale spagnolo sono stati sequestrati lo scorso 16 settembre.
A conferma di quanto affermato dall’uomo intervistato dalla Bbc sui metodi di Al Qaeda, ieri i jihadisti dell’Isil hanno ucciso un uomo a Saraqeb (a tutti gli effetti ormai un emirato islamico) per blasfemia. Secondo quanto riportato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, Ibrahim Qassum, venditore di carburante per caldaie, è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa per aver venduto «carburante impuro». «I guerriglieri gli hanno chiesto perché fosse impuro – scrive Sohr – e lui ha risposto in modo colloquiale: “Cosa ne so? Chi sono io, il Dio del carburante?”». Per questa affermazione giudicata blasfema, l’uomo è stato arrestato, ucciso e il suo corpo abbandonato per le strade della città.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Antonio scrive:

    e noi ‘sta gente la importiamo a carrettate di migliaia.

  2. marco scrive:

    PERCHÈ IL P.C.I. ERA IL PARTITO PIÙ RICCO D’ITALIA CON PIU RISORSE DUNQUE CON PIU SOLDI? PER I RUBLI DA MOSCA? MA SE POI LE SINISTRE DERIVATE DAL P.C.I. CONTINUARONO A ESSERE I PARTITI CON PIÙ FINANZIAMENTI SE FOSSE CADUTO IL MURO DI BERLINO I PARTITI DERIVANTI DAICOMUNISTI SAREBBERO ANDATI IN BANCAROTTA,SCUSATE SE PER MUOVERVI VI COSTA TANTO, CHIEDETEVI COME FANNO AD AVERE TANTE RISORSE SOLDI SEMPRE E LO STESSO VALE
    DUNQUE E ARMI I JIHADISTI DI ALKAEDA HE SEMINANO MORTE TRA LA POPOLAZIONE E TANTI APPOGGI DA TANTA GENTE INTERNAZIONALMENTE?

    • viviana scrive:

      marco quindi tu che stai suggerendo ? secondo te da chi hanno l’appoggio ? mi piacerebbe sentire un po’ di opinioni a riguardo perchè c’è molta confusione e poco si capisce e la maggior parte segue il pensiero dominante … francamente ho molta paura e non si capisce più nulla non pensi che quello che sta accadendo potrebbe avere delle conseguenze su di noi ? e se un domani dovessimo trovarci di fronte alla reale possibilità di perdere la vita come accade lì ? anche tu ci pensi ogni tanto?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana