Google+

Strasburgo condanna l’Italia: «Le madri diano cognome ai figli»

gennaio 7, 2014 Chiara Rizzo

La corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato il nostro paese perché non prevede per le madri il diritto di dare ai figli il proprio cognome anziché quello del padre

La corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha condannato oggi l’Italia stabilendo che i genitori devono avere il diritto di dare ai figli il solo cognome della madre. Il nostro paese aveva rifiutato ad una coppia di coniugi la richiesta di dare alla figlia il solo cognome della madre. Nella sentenza di Strasburgo che diventerà definitiva entro tre mesi, i giudici hanno disposto per il nostro paese l’obbligo di adottare norme per rimediare alla violazione, introducendo il nuovo diritto per le mamme.

IL CASO. Autrice del ricorso alla Corte di Strasburgo una coppia milanese, Alessandra Cusan e Luigi Fazzo. La corte europea ha dato loro ragione spiegando che «se la regola che stabilisce che ai figli legittimi sia attribuito il cognome del padre può rivelarsi necessaria nella pratica, e non è necessariamente una violazione della convenzione europea dei diritti umani, l’inesistenza di una deroga a questa regola nel momento dell’iscrizione all’anagrafe di un nuovo nato è eccessivamente rigida e discriminatoria verso le donne». Non è sufficiente nemmeno la norma italiana che dal 2000 prevede la possibilità di dare al nuovo nato il doppio cognome, paterno-materno. Alla coppia Cusan-Fazzo nel 1999 l’ufficio anagrafe di Milano ha rifiutato la registrazione della figlia con il cognome materno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana