Google+

Stramaccioni, il romano spiritoso che vuole divertire Moratti

marzo 27, 2012 Emmanuele Michela

Verrà presentato oggi il tecnico che sostituisce Ranieri. Ha solo 36 anni, ma ha alle spalle già tanti successi nei tornei giovanili. L’ultimo domenica contro l’Ajax, nella Champions League dei Primavera. Uomo dalla battuta facile, ama il 4-2-3-1 e cerca di tenere sempre rilassati i suoi. Ecco perché il presidente ha scelto di ripartire da lui e dal gruppo vincente a Londra.

«Questa sconfitta 7-1 ci brucia tantissimo. Ma noi ci mettiamo la faccia, chiediamo scusa ai tifosi. E nonostante la sconfitta di oggi dico che questo gruppo ha grandi potenzialità. Ora sta a noi: bocche chiuse e lavorare. Ho fiducia in questi ragazzi». Era fine agosto, e la primavera dell’Inter incassava una sconfitta pesantissima contro il Tottenham nella prima gara della Next Generation Series. Ad ascoltare ora le parole di Andrea Stramaccioni, giovane tecnico della squadra, viene da pensare che Moratti abbia preso la giusta decisione. Il presidente ha scelto lui come successore di Ranieri sulla panchina della prima squadra, dopo che il tecnico della Primavera nerazzurra era salito domenica a Londra sul tetto d’Europa, vincendo proprio il trofeo iniziato con quella pesante sconfitta. 

Stramaccioni è giovanissimo come allenatore: classe 1976, romano, una carriera da calciatore stroncata presto da un pesante infortunio patito quando giocava in Serie C, al Bologna di Ulivieri. Quindi gli esordi in panchina, prima per vari club giovanili romani, poi il salto nella Primavera del Crotone di Gasperini. Torna a Roma nel 2005, ma ad allenare gli esordienti della squadra della famiglia Sensi. E finalmente, dopo 6 anni nella capitale, eccolo la scorsa estate approdare all’Inter.

Oggi verrà presentato alla stampa nella nuova veste di tecnico della prima squadra. La scelta di Moratti non è stata dettata tanto dalla volontà di liberarsi di Ranieri, quanto di sfruttare le restanti giornate del campionato per valorizzare il pacchetto giovani dell’Inter. I nerazzurri hanno poco da chiedere alla stagione: il terzo posto è un miraggio, la Champions un ricordo, vale la pena quindi provare puntare su qualche nome interessante, che proprio il trofeo appena vinto ha messo in luce. C’è l’italo-brasiliano Bessa, il forte attaccante Longo, il ghanese Doncan, poi Crisetig, Livaja. Talenti in erba, valorizzati alla grande dalla guida di Stramaccioni, tanto abile nello studiare sul piano tattico le partite, quando intelligente e carismatico nel creare gruppo. Ama il 4-2-3-1, con due esterni fantasiosi larghi in trequarti, ma sa adattare le sue mosse a ogni tipo organico. Con i calciatori si comporta da padre, cercando di liberarli da pressioni, tenendo sereno e concentrato l’ambiente. Fa specie pensare alle battute che regalava al bordocampista di Inter Channel durante la finale della Next Generation: i nerazzurri stavano sull’1-1, lingua fuori s’apprestavano ai supplementari giocando in 10 contro 11, ma la sua preoccupazione era tenere tranquillo il gruppo. Per questi giovani è come un padre, o come un fratello maggiore, tanto che al termine del match è stato il più festeggiato.

Chissà, forse farà solo il traghettatore, e a fine stagione vedremo sostituirlo con qualche nome più blasonato: si parla di Villas Boas, Guidolin, c’è l’ipotesi suggestiva Prandelli. Ma adesso Stramaccioni ha la fiducia di Moratti, e può sfruttare questo momento “senza obiettivi minimi” per provare a puntare su questi giovani: non fenomeni straordinari, ma ottimi giocatori sfruttati al meglio dal tecnico romano. Gente che in Italia, mancando le squadre B, fatica sempre a fare il grande salto da Primavera a professionismo. E magari saranno i cardini della ricostruzione dell’Inter di domani.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana