Google+

Storia di Nino, che il vento ha spinto fuori dalla droga e dalla “mala”

maggio 17, 2014 Chiara Rizzo

“Lo decide il vento” è il video che racconta la storia di riabilitazione di un ragazzo di 17 anni condannato a 10 anni di carcere

In una grande città di mare del Sud, Nino, 17 anni, deve scontare una condanna a dieci anni per spaccio di droga e associazione a delinquere. È stato lui stesso a riconoscere davanti ai giudici le proprie responsabilità. Nino è un ragazzo sveglio: «Io a quattordici anni avevo come 30 anni. Solo a 17 anni mi sono accorto di essere ancora più piccolo dei passi che stavo facendo». La sua è la storia protagonista in uno dei video del concorso “Are you series” (menzione vita), organizzato da Milano film festival. La storia di Nino, un percorso di scoperta e rinascita si intitola “Lo decide il vento”: è stato proprio il vento, letteralmente, a spingere la sua vita in tutt’altra direzione.

«LA MAFIA È LEGGE». La vicenda di Nino non è rara nel quartiere dove vive, un grande pezzo di metropoli post moderna e scarsa di servizi, roccaforte di alcuni clan della mafia. È una mentalità che impregna l’aria, in quel sud del sud, anche in mezzo a tante persone che vivono onestamente. Michael per esempio è il migliore amico di Nino, si conoscono dall’infanzia. Lui non ha commesso reati, è “pulito”. È sua la lucida sintesi di quel mondo, in un frammento di dialogo nel filmato: «Io ho detto sempre che se non c’era questa minchia di mafia, eravamo servi dello stato. Per me è legge, è una legge come quella della polizia. A che serve questa legge? A portare più rispetto. Ma ho sempre pensato che chi fa lo spaccio per la mafia è loro servo. Tu che spacci sei all’erta, e loro stanno comodi sul divano». È di Michael la rabbia per quello che vivono in tanti nel suo quartiere: «Dodici persone in una famiglia, con 400 euro come ci dovrebbero vivere?». «La mafia è una schifezza, perché hanno tolto il futuro a noi» ribatte Nino.

«LO IMMAGINAVI UN MONDO COSI’?». Massimo ha 33 anni e ha trasformato in lavoro la passione nutrita sin da piccolo per il mare. Oggi è un comandante di imbarcazioni a vela, e ama trasmettere questo suo amore ad altri. Francesca è una ragazza della stessa città, che ha scelto di andare a studiare psicoterapia a Roma, poi di specializzarsi in psicologia a Milano, e infine di ritornare nella grande città di mare del sud, con tutto il suo bagaglio di passione. A costruire nuovi percorsi, a partire da un’idea semplice, condivisa con Massimo: “che il mare e la navigazione a vela rappresentano nuovi luoghi fisici e mentali, che permettano di sperimentare nuovi punti di vista”. È così che proprio alla guida di Francesca viene affidato il percorso di recupero e reinserimento sociale di Nino, dopo che il ragazzo ha scontato i primi sei mesi e mezzo dietro le sbarre. Una sfida che lei vive con passione, e in cui si butta cercando di stimolarlo a una riflessione personale sulle proprie scelte, ma anche sul mondo che lo circonda. È Massimo invece a consegnare materialmente a Nino una nuova professionalità, introducendolo nel mondo della nautica. È parlando con lui, che il ragazzo inizia a respirare: «Ne sono uscito, Massimo»: «No, Nino, ne stai uscendo. Ma l’importante è questo». Lo decide il vento racconta una giornata tipo di quelle condivise dai quattro ragazzi. «Lo immaginavi che si potevano fare tutte queste cose?» chiede Massimo a Nino in una delle scene del filmato, dopo avergli insegnato a tenere il timone della barca anche sotto un forte vento: «No», risponde l’altro. «È un mondo che conoscevi?». «No». «Esiste» gli risponde il giovane capitano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.