Google+

Storia del “Telesio” di Battiato, che ha fatto piangere le casse del Comune di Cosenza

gennaio 21, 2013 Chiara Rizzo

Nel 2011 il cantautore siciliano fu pagato 750 mila euro dal comune calabrese per l’opera “Telesio”. Lui prometteva alle casse pubbliche lauti guadagni tra tourneé royalties, ma dopo tre repliche si stancò.

Avrebbe dovuto essere L’Opera per eccellenza di Franco Battiato. Invece è stato flop – almeno a stare al racconto del Quotidiano della Calabria – , e non tanto per il cantautore di “euclidei, vestiti come bonzi per entrare a corte degli imperatori della dinastia dei Ming”, quanto per le casse di un comune Cosenza. Nel 2011, Franco Battiato ha accettato la proposta della città calabrese, che intendeva rendere omaggio al filosofo locale, Bernardino Telesio (che nel rinascimento riportò la filosofia naturalista agli splendori e fu ispiratore di Bacone): budget dell’operazione, che prevedeva l’incrocio di musica lirica e pop con la filosofia, 750 mila euro (da contributi pubblici, of course). Ma nessuna preoccupazione: l’artista aveva assicurato con tanto di conferenza stampa che la cifra sarebbe ampiamente rientrata nelle casse del comune, grazie agli incassi di un tour di spettacoli e delle royalties per le vendite di dvd o cd.

«MI SONO LEGGERMENTE STANCATO». Persino il Tg1 all’epoca ha dedicato spazio all’opera “Telesio”, che segnava il rientro di Battiato sulla scena. Lui nell’intervista esaltava la vicinanza del suo pensiero a quello di Telesio, che «non ha umanizzato Dio e ha considerato esseri senzienti, come gli uomini, anche gli animali».
Malagrado il lancio su scala nazionale, però, Cosenza dell’investimento iniziale non ha rivisto indietro un solo cent. Già, perché Battiato, in città lo videro giusto alle prime tre rappresentazioni del maggio 2011. Anche perché quelle furono pure le ultime, a Cosenza come in tutt’Italia su Telesio calò il sipario (sono ignoti i dati dell’incasso del lancio). Qualche tempo dopo, su XL supplemento di Repubblica, il maestro anzi ebbe a lamentarei: «Mi ero leggermente stancato con Telesio che è stato un lavoro lungo che poi si consuma in qualche rappresentazione». Ma non tutto è andato male: per esempio non l’incasso del solito Battiato dai dvd e cd dell’opera, venduti al pubblico in elegante cofanetto a 93 euro. Peccato per le royalties destinate al comune: siccome l’incasso copre giusto i diritti di Battiato, non c’è un cent che rimanga a Cosenza.
Figurarsi  ora la gioia dei cosentini nell’apprendere che il cantautore – nel frattempo neo assessore alla Cultura della regione siciliana – tornerà a teatro in città il prossimo 28 febbraio, con il nuovo album, e si produrrà anche in una delle canzoni di Telesio.

LA REPLICA DEGLI AVVOCATI DI BATTIATO

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana