Google+

Stop agli eventi dedicati a Lucio Battisti, niente più festival a Molteno

giugno 8, 2011 Chiara Rizzo

Il tribunale di Milano ha stabilito, in seguito alla denuncia dei parenti di Lucio Battisti, che il Comune di Molteno non potrà più organizzare la celebrazione “Un’avventura, Le emozioni” dedicata al cantante, perché è a scopo turistico e non informativo e culturale

Il mio canto libero, cantava Lucio Battisti. Evidentemente, però, il suo ricordo libero non lo è più. Così ha stabilito il tribunale di Milano, come racconta il Corriere: per i giudici meneghini il Comune di Molteno, piccolo centro nella Brianza lecchese dove Battisti ha vissuto ed è sepolto, non potrà organizzare nuove edizioni della celebrazione “Un’avventura, Le emozioni”, come faceva dal 1999.

La sentenza arriva dopo un esposto presentato dagli eredi del cantante, e il legale che li rappresenta, Simone Veneziano, ha spiegato che «a Molteno c’erano aree giochi per bambini, punti di ristorazione, sponsorizzazioni e tanto altro che con la musica non aveva nulla a che vedere». Veneziano ha aggiunto che il giudice non ha riconosciuto «le superiori finalità di informazione, culturali o scientifiche che per la legge sul diritto d’autore non prevederebbero il consenso dell’interessato o degli eredi. La sentenza parla addirittura di propaganda politica e turistica».

Sarà vero. Ma come può uno scoglio (come un precedente giudiziario che adesso potrebbe bloccare tante altre manifestazioni simili in Italia) arginare il mare dell’affetto dei fan, che spesso vivono l’ammirazione per i loro cantanti preferiti anche in questo modo, forse poco politicamente corretto e molto ingenuo, ma pur sempre verace? Mentre il Comune di Molteno dovrà pensare ad affrontare le conseguenze economiche di questa sentenza (un risarcimento danni di 40 mila euro a favore delle Edizioni musicali Acqua Azzurra Srl e Aquilone Srl, società che hanno i diritti sulle opere di Lucio Battisti), la decisione dei giudici milanesi ha fatto riflettere anche altri parenti di miti della canzone italiana.

Anna Gaetano, sorella di Rino, si è detta felice, perché «i tributi a Rino mi fanno piacere, ma a volte c’è qualche maleducato che usa le sue foto senza permesso. Per ora con i legali abbiamo mandato solo lettere di diffida, ma visto che non ci ascoltano agiremo in altro modo». Di tutt’altro parere, invece, Dori Ghezzi, vedova del grande Fabrizio De Andrè, che fa notare: «Fabrizio è di tutti. E se anche si volesse controllare tutto quello che viene fatto in suo nome, ci vorrebbe l’esercito. Che facciamo andiamo sulle spiagge a bloccare chi si trova attorno al fuoco? Non abbiamo mai scelto la via giudiziaria, anche quando abbiamo visto speculazioni economiche in nome di Fabrizio. Ci limitiamo a non dare il patrocinio a quello che non ci piace. Non sarà certo un tributo poco elegante a rovinare la figura di un’artista. Dovremmo augurarci che non si parli più di loro?». Così la pensa anche Delia Gaber, figlia di Giorgio: «Offriamo il nostro patrocinio per le manifestazioni, e qualche sospetto può nascere se qualcuno non ce lo chiede. Ma abbiamo scoperto a cose fatte tanti progetti spontanei che non ci avevano contattati e che ci hanno fatto piacere».

Leggi: Dieci ragazze e zero titoli in cronaca (Tempi, n. 14)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana