Google+

Stato in vendita: cedere Rai, Poste e Fs per uscire dalla crisi

settembre 13, 2011 Benedetta Frigerio

Ernesto Felli, ordinario di economia politica all’università di Roma Tre, spiega a Tempi.it «che la valorizzazione del patrimonio è l’unica vera strada per ridurre il debito». Cedendo asset tangibili e intangibili si possono ricavare tra i 60 e i 140 miliardi per «aiutare, senza aumentare la spesa corrente, famiglie, singoli e lavoratori per stimolare produzione e consumo»

«Se una famiglia non ha più soldi, deve vendere la casa della nonna». Sono le parole del coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa. Le riporta oggi il Corriere della Sera, in un articolo di Francesco Verderami, in cui si parla di «una iniziativa del Tesoro, che entro la fine del mese intende organizzare un seminario per la valorizzazione e la dismissione del patrimonio dello Stato, degli immobili e delle concessioni».
Sarebbe un’altro modo per ridurre il debito pubblico e riportarlo «a quota 90».

Ernesto Felli, ordinario di economia politica all’università di Roma Tre, spiega a Tempi.it, che «la valorizzazione del patrimonio è l’unica vera strada per ridurre il debito. Purtroppo, però, se ne parla da tanto. Sarebbe ora che le parole si traducessero in atti». Nell’articolo del Corriere si evoca un seminario preparato per mettere a punto la manovra. «Il termine – continua Felli – mi pare vago. Spero solo sia organizzato in modo tale da dare finalmente risultati concreti. Bisognerà pensare a come valorizzare il patrimonio pubblico, fatto sia di beni tangibili, come immobili e terreni, sia di partecipazioni societarie». Cosa rispondere a chi obietta che il mercato è fermo e vendere oggi significa svendere? «L’obiezione è una scusa di chi non vuole toccare certi interessi: i compratori esteri ci sono eccome. Sicuramente allo Stato tocca mettersi sul mercato in modo intelligente, rendendo appetibili i beni. Un momento ideale per immettersi sul mercato non esiste mai finché non ci si mette: dipende tutto da come lo si fa».

Verderami accenna anche a un report del ministero dell’Economia, in cui si allude alla vendita di «gioielli dello Stato» e di utilities. Quali sono i principali? «Fra gli asset tangibili ci sono tantissimi edifici abitativi, caserme e terreni. Fra gli intangibili, ci sono le partecipazioni pubbliche di alcune grandi società come la Rai, le Ferrovie dello Stato, le Poste italiane, l’Eni e Finmeccanica». Se si rendono economicamente efficienti queste operazioni, «molti soggetti, come i fondi di investimento esteri e i capitalisti internazionali, sarebbero disposti a comprare anche gli asset intangibili a prezzi buonissimi. In tutto, fra beni tangibili e non, ho calcolato che ciò che poteva essere venduto dallo Stato avrebbe fatturato circa 60 miliardi di euro. Il Corriere oggi parla addirittura di 140». Rientrando a quota 90 del debito pubblico, si leggerebbe ancora nel report, «si troverebbero i soldi per il fattore famiglia».

Per Felli «le risorse che vengono liberate da questa manovra vanno usate per incentivare gli investimenti, senza aumentare la spesa corrente». Ricapitolando, bisognerebbe vendere i beni pubblici così da ridurre il debito, senza però aumentare le tasse. «Di più: bisognerebbe anche ridurre alcune imposte, in primis quella sui redditi personali, così da aiutare famiglie, singoli, lavoratori e imprenditori. In modo da stimolare produzione e consumo. La grande riforma strutturale sta qui: nella vendita dei beni pubblici, da accompagnare alla riduzione della pressione fiscale dei potenziali investitori. Solo così l’Italia può sperare di farcela. Non basta vendere». Altrimenti? «Sarebbe un danno, ad esempio, se si usassero le entrate delle vendite per aumentare le spese sociali. Il mercato non ripartirebbe, quindi i redditi rimarrebbero bassi. E se il reddito non aumenta, non si può pensare di riconquistare la fiducia dei capitali esteri necessaria per uscire dalla crisi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi