Google+

La stampa turca attacca il Patriarca Bartolomeo I: «Coinvolto nel golpe fallito»

settembre 1, 2016 Redazione

Agenzia Fides: «Per la prima volta» un giornale turco (vicino a Erdogan) «ha accusato esplicitamente il leader ortodosso di essere complice» di Gülen

turchia-golpe-aksam-patriarca-bartolomeo

Anche la Chiesa ortodossa finirà vittima della rappresaglia di Erdogan per il fallito golpe di metà luglio? Un articolo dell’Agenzia Fides sembra presagire questo fosco scenario. Secondo Fides infatti due giorni fa, martedì 30 agosto, «per la prima volta un organo di stampa turco ha accusato esplicitamente il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I di essere complice del fallito colpo di Stato».

IN PRIMA PAGINA. A costruire questa tesi, spiega l’agenzia, è stato un quotidiano considerato vicino al presidente, Aksam, che non a caso nell’articolo sposa la lettura di Ankara secondo cui il tentativo di colpo di Stato sarebbe stato orchestrato da Fethullah Gülen, il miliardario islamista autoesiliatosi negli Stati Uniti, ex alleato di Erdogan e ora suo nemico numero uno. Ebbene il giornale, scrive Fides, «ha pubblicato in prima pagina un articolo per accreditare presunte connivenze tra la Cia e il Patriarcato ecumenico con il golpe “gülenista”».

L’INDIZIO. Stando sempre a quanto riferisce l’articolo di Fides, il quotidiano turco suggerisce un collegamento tra il golpe contro Erdogan e il suo riavvicinamento a Putin. E come «indizio del presunto legame tra Bartolomeo e Gülen» cita «un articolo, attribuito ad Arthur Hughes, già ambasciatore Usa in Yemen, comparso a metà agosto sul sito www.orientalreview.org, che conteneva considerazioni sul presunto interesse del Patriarcato ecumenico ad un rovesciamento dell’apparato di potere che fa capo a Erdogan».

LA SMENTITA. Da parte sua Hughes, continua Fides, «ha smentito a stretto giro di essere l’autore dell’articolo – che quindi si configura come un falso – ottenendone l’immediata rimozione dal web», e adesso ha screditato anche la ricostruzione di Aksam. Sempre per tentare di corroborare la sua tesi, il quotidiano, conclude Fides, ha illustrato il servizio con «foto che ritraggono insieme Gülen e il Patriarca Bartolomeo, risalenti agli anni Novanta del secolo scorso».

CHIESE NEL MIRINO. A rendere preoccupante la pubblicazione di questo attacco al Patriarca Bartolomeo I sono anche i precedenti. Se l’accusa esplicita al vertice della Chiesa ortodossa è un fatto inaudito, non è però la prima volta che qualcuno approfitta della reazione al fallito colpo di Stato per prendersela con i cristiani. Come abbiamo scritto in un precedente articolo, già nei giorni immediatamente successivi al golpe, durante la “protesta popolare” in difesa di Erdogan (orchestrata dai Fratelli Musulmani) sono state prese di mira la chiesa di Santa Maria a Trebisonda (quella di don Santoro) e una chiesa protestante a Malatya, città dove nel 2007 furono sgozzati tre cristiani evangelici.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Filippo81 says:

    Erdogan, il “grande statista” che merkel,renzi e compari vorrebbero al più presto nella ue (con la benedizione di obama ovviamente ).

    • maboba says:

      Spero solo che alle prossime elezioni tutti e tre, e le parti politiche che rappresentano, subiscano apprezzabili cali. Non basterà a cambiare lo sciagurato andazzo dell’UE e degli USA, ma potrebbe essere un inizio.

    • EquesFidus says:

      Sì, certo, il nuovo Nerone, per cui, ovviamente, la colpa è tutta dei cristiani. E sono ancora peggio quelli che elenchi, perché lo sostengono.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.