Google+

Staminali. Anche l’Osservatore Romano contro Nature: «C’è differenza tra bugie e verità»

aprile 19, 2013 Augusto Pessina

Il quotidiano della Santa Sede contro l’opera di disinformazione operata dalla rivista scientifica: «Cerca artificiosamente di falsificare la realtà»

Sulle accuse della rivista Nature al Vaticano, tempi.it ha già dato la parola a monsignor Trafny («Tutto falso. Ci dissociamo completamente da Stamina»). Qui di seguito proponiamo la lettura dell’articolo del professore Augusto Pessina*, apparso ieri sull’Osservatore Romano con il titolo “La differenza tra bugie e verità”.

Non meraviglia vedere che i detrattori della Chiesa cattolica utilizzano qualsiasi arma per denigrarla, sfruttando anche coincidenze temporali del tutto casuali. Dall’11 al 13 aprile scorsi, ad esempio, si è celebrata in Vaticano la conferenza dal titolo «Medicina rigenerativa: cambiamento fondamentale nella scienza e nella cultura». Erano proprio i giorni in cui il Parlamento italiano discuteva su un pericoloso decreto che rischia di portare a una grave deregulation delle terapie con cellule staminali.

Ora, un articolo sulla rivista scientifica «Nature» — Smoke and mirror — cerca artificiosamente di falsificare la realtà attribuendo all’iniziativa, programmata da almeno un anno, il tentativo di sostenere chi vorrebbe allargare le maglie per favorire le terapie cellulari senza controlli.

In realtà la conferenza vaticana non ha preso nessuna mossa da quanto sta succedendo in Italia e, da quanto è dato sapere, non ha espresso nessun apprezzamento a proposito anche perché l’orizzonte in cui si è mossa è stato di livello internazionale.

È probabile che questa conferenza non sia apprezzata da tutti — sia dentro che fuori il mondo ecclesiale — per i temi che tratta e per il modo in cui sono affrontati. È certo però che la conferenza non è stata nemmeno un crociata contro l’uso degli embrioni come vuole fare credere l’articolo di «Nature», che sembra volere ritornare su questo argomento in modo solo polemico e per nulla costruttivo.

Nel mondo sono numerosissime le sperimentazioni cliniche eseguite sia con cellule staminali da adulto che con cellule embrionali e anche con le cosiddette cellule “riprogrammate”. È fuori discussione che le staminali adulte sono tra le più impiegate e che, tra queste, le cellule staminali mesenchimali hanno suscitato grande interesse, sia per la facilità di ottenerle e di espanderle che per alcune loro caratteristiche biologiche. Purtroppo in molti Paesi del mondo non esistono regole per garantire la sicurezza di trattamento e molti avventurieri hanno aperto cliniche che promettono cure inesistenti, talvolta dannose e sempre economicamente onerose.

Tale situazione ha creato quello che autorevoli riviste scientifiche, come «The Lancet», hanno definito «turismo medico». In questo l’articolo di «Nature» ha perfettamente ragione. Non garantire le regole e procedure sulla base delle quali stabilire se una terapia è realmente efficace e non provoca danni equivarrebbe a trattare i pazienti come animali da laboratorio.

Questo rispetto della dignità della persona umana è dovuto a tutti a partire dal suo inizio fino alla sua fine, senza deroghe di legge.

*Università di Milano Coordinatore del Gruppo italiano staminali mesenchimali

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana