Google+

Stamina, un giudice obbliga i medici a fare le infusioni. E chi è il suo perito? Andolina (vicepresidente di Stamina)

aprile 16, 2014 Redazione

Antonio Genna, giudice del tribunale di Marsala, ha ordinato agli Spedali Civili di Brescia di riprendere a somministrare le cellule preparate da Stamina al piccolo Gioele, affetto da Sma

La storia infinita di Stamina si arricchisce di un nuovo capitolo e ancora una volta a causa di un magistrato. Antonio Genna, giudice del tribunale di Marsala, ha ordinato agli Spedali Civili di Brescia di riprendere a somministrare le cellule preparate da Stamina al piccolo Gioele, affetto da Sma, che secondo i genitori «andrebbe altrimenti incontro a morte certa».

IL PERITO È ANDOLINA. Il giudice Genna non ha condiviso la sentenza del tribunale ordinario di Torino, che a fine marzo non ha autorizzato il trattamento per un bimbo definendo Davide Vannoni e soci dei «ciarlatani». Non ha neanche preso in considerazione l’obiezione di coscienza annunciata a inizio aprile dai medici degli Spedali Civili, che hanno incrociato le braccia rifiutandosi di somministrare il trattamento Stamina «in attesa che il nuovo Comitato scientifico si pronunci».
Come scrive il Corriere, si è fidato solo del «parere acquisito da uno specialista chiamato come perito»: Marino Andolina, cioè l’attuale vicepresidente di Stamina.

INFUSIONI NON POSSONO RIPARTIRE. Dopo l’ultima farsa giudiziaria, è difficile prevedere che cosa succederà: almeno per un mese agli Spedali Civili non si potranno fare le infusioni di cellule preparate secondo il metodo Stamina, visto che l’unica biologa in grado di prepararle, Erica Molino, non è iscritta all’Albo e sta sbrigando le procedure necessarie per poter esercitare nell’ospedale pubblico di Brescia.

MINACCE AI MEDICI. La sentenza del giudice Genna è arrivata dopo che Vannoni si è riunito a Bologna con alcune famiglie che vogliono tentare la sua “cura”, minacciando di «denunciare sia penalmente che civilmente i medici di Brescia che hanno detto stop alle infusioni». Ma come dichiarato a tempi.it dal dottor Ottavio di Stefano, presidente dell’Ordine medici ed odontoiatri della provincia di Brescia, «la scelta clinica del medico deve basarsi su scienza e coscienza. La magistratura non può imporci il trattamento Stamina. Se ci viene tolta la possibilità di scegliere, non potremo più agire con rigore nell’interesse dei pazienti. Questo comprometterà tutto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. francesco taddei says:

    e c’è ancora chi non crede che il sistema giudiziario sia da rifare. visto che abbiamo la costituzione più bella del mondo anche i nostri giudici sono impeccabili. libei e forti.

    • giovanni says:

      Come in una partita di calcio, un gol per parte, palla in centro e si ricomincia a giocare una squallida partita, speriamo nella nebbia….. in campo, cosi l’arbitro è costretto a sospendere l’incontro. Gli spettatori con le nuove regole non possono più insultare all’arbitro, però un giudizio sull’operato dell’arbitro ce l’hanno eccome!!!

      • gipo says:

        Giovanni (scusa la forma diretta), in questo caso non c’è solamente il gol per parte: sembra (questa almeno è l’impressione che se ne ricava) che l’arbitro (il peritus peritorum) abbia richiesto un parere ad un consulente (nel football USA si chiamerebbe “instant replay”; nel rugby si chiama TMO) che guardacasomachil’avrebbemaidetto altro non sarebbe che il vice presidente di una delle squadre in campo (un po’ come se alla festa dell’avis, la sorveglianza fosse affidata a Dracula o se la guardia del pollaio fosse stata assegnata al lupo di turno – Lupo Alberto no, lui era follemente innamorato della sua pollastra!!!!!).

        Anch’io, però, un giudizio sull’arbitro potrei comunque farmelo; ma sai, in tempi di giustizia creativa (vedasi il caso Grosseto), spero di non iniziare nemmeno ad ipotizzarlo, non vorrei che qualcuno mettesse in pratica la teoria di “Minority report”, con tutte le conseguenze del caso…..
        Per ora, l’unico pensiero va al piccolo Gioele ed ai suoi genitori: che il vostro angelo custode vi conservi la forza per implorare la guarigione per vostro figlio, affidandolo totalmente al Volto buono del Mistero che fa tutte le cose!
        Buona Pasqua in Cristo

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi