Google+

«Sta arrivando la fine del mondo: mangiate broccoli». Il mea culpa degli ambientalisti: basta catastrofismo

aprile 22, 2014 Leone Grotti

Il più grande centro studi internazionale dedicato al clima e all’ambiente, The Earth Institute ammette: «Abbiamo sbagliato invocando l’Apocalisse»

«Abbiamo sbagliato». Oggi si celebra la giornata mondiale per salvare la Terra e il più grande centro studi internazionale dedicato al clima e all’ambiente, The Earth Institute della Columbia University, ha fatto un pubblico mea culpa per la gestione della comunicazione sui cambiamenti climatici.

«BASTA CATASTROFISMO». «Dove abbiamo sbagliato? La lotta al cambiamento climatico non fa progressi, l’opinione pubblica sembra confusa o stanca di questi allarmi, i governi perdono tempo. La colpa è anche nostra. Fin qui – spiega a Repubblica il direttore esecutivo dell’istituto di ricerca americano Steve Cohen – il messaggio era: sta arrivando la fine del mondo, mangiate spinaci e broccoli. Cioè, mi perdoni la battuta, da una parte c’era una profezia dell’Apocalisse; dall’altra una serie di conseguenze sgradevoli, in termini di comportamenti virtuosi da adottare».

SVILUPPARE LE RINNOVABILI. Secondo Cohen la comunicazione “alla Al Gore” per cui il mondo, a causa del surriscaldamento globale causato dall’uomo, sta per essere spazzato via da siccità, inondazioni, oceani acidi, tifoni, ghiacciai che si sciolgono e orsi polari che muoiono è errato. Bisogna piuttosto puntare «su una nuova strategia positiva» e spingere per «sviluppare le rinnovabili», un programma «al tempo stesso buono per l’ambiente, buono per le nostre tasche di consumatori, buono per la competitività delle imprese e l’occupazione».

GHIACCIAI DELL’HIMALAYA. In realtà, gridare all’Apocalisse non è solo sbagliato dal punto di vista della comunicazione ma anche da quello della realtà dei fatti. Lo stesso Ipcc (Commissione internazionale sul cambiamento climatico dell’Onu) ogni anno rimanda le stime sull’avvento dell’Apocalisse di qualche anno e solo nel 2013 ha cercato di spiegare il mistero della Terra che «non si surriscalda più». Per non parlare del dietro front sui ghiacciai dell’Himalaya, che avrebbero dovuto sciogliersi «entro il 2035».

DITELO ALL’ONU. Cohen ovviamente ha ragione a puntare sullo sviluppo delle rinnovabili. Come diceva a Tempi l’ambientalista scettico Bjorn Lomborg, «se l’energia solare o eolica fosse davvero competitiva, potremmo stare sicuri che nessuno punterebbe più sui carburanti fossili». Lo svedese proponeva di smettere di «fissarci sul taglio delle emissioni di Co2» e investire gli stessi soldi su «innovazione e tecnologia».
Gli ambientalisti del Earth Institute dovrebbero però fare questo discorso proprio ai loro colleghi dell’Onu, che nell’ultimo rapporto sul global warming appena pubblicato sono tornati a parlare di Apocalisse e dei peggiori mali a cui la Terra sta per andare incontro a causa del surriscaldamento terrestre (che però nel frattempo si è misteriosamente fermato). In particolare, hanno lanciato questo monito: «Ci restano solo 17 anni per salvare la Terra». Alla faccia del cambio di comunicazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Menelik scrive:

    Normalmente, per ogni errore c’è un prezzo da pagare.

    17 anni per “salvare” la Terra? Allora Depo Provera, aborto e sterilizzazioni in cambio di aiuti economici.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana