Google+

«Sta arrivando la fine del mondo: mangiate broccoli». Il mea culpa degli ambientalisti: basta catastrofismo

aprile 22, 2014 Leone Grotti

Il più grande centro studi internazionale dedicato al clima e all’ambiente, The Earth Institute ammette: «Abbiamo sbagliato invocando l’Apocalisse»

«Abbiamo sbagliato». Oggi si celebra la giornata mondiale per salvare la Terra e il più grande centro studi internazionale dedicato al clima e all’ambiente, The Earth Institute della Columbia University, ha fatto un pubblico mea culpa per la gestione della comunicazione sui cambiamenti climatici.

«BASTA CATASTROFISMO». «Dove abbiamo sbagliato? La lotta al cambiamento climatico non fa progressi, l’opinione pubblica sembra confusa o stanca di questi allarmi, i governi perdono tempo. La colpa è anche nostra. Fin qui – spiega a Repubblica il direttore esecutivo dell’istituto di ricerca americano Steve Cohen – il messaggio era: sta arrivando la fine del mondo, mangiate spinaci e broccoli. Cioè, mi perdoni la battuta, da una parte c’era una profezia dell’Apocalisse; dall’altra una serie di conseguenze sgradevoli, in termini di comportamenti virtuosi da adottare».

SVILUPPARE LE RINNOVABILI. Secondo Cohen la comunicazione “alla Al Gore” per cui il mondo, a causa del surriscaldamento globale causato dall’uomo, sta per essere spazzato via da siccità, inondazioni, oceani acidi, tifoni, ghiacciai che si sciolgono e orsi polari che muoiono è errato. Bisogna piuttosto puntare «su una nuova strategia positiva» e spingere per «sviluppare le rinnovabili», un programma «al tempo stesso buono per l’ambiente, buono per le nostre tasche di consumatori, buono per la competitività delle imprese e l’occupazione».

GHIACCIAI DELL’HIMALAYA. In realtà, gridare all’Apocalisse non è solo sbagliato dal punto di vista della comunicazione ma anche da quello della realtà dei fatti. Lo stesso Ipcc (Commissione internazionale sul cambiamento climatico dell’Onu) ogni anno rimanda le stime sull’avvento dell’Apocalisse di qualche anno e solo nel 2013 ha cercato di spiegare il mistero della Terra che «non si surriscalda più». Per non parlare del dietro front sui ghiacciai dell’Himalaya, che avrebbero dovuto sciogliersi «entro il 2035».

DITELO ALL’ONU. Cohen ovviamente ha ragione a puntare sullo sviluppo delle rinnovabili. Come diceva a Tempi l’ambientalista scettico Bjorn Lomborg, «se l’energia solare o eolica fosse davvero competitiva, potremmo stare sicuri che nessuno punterebbe più sui carburanti fossili». Lo svedese proponeva di smettere di «fissarci sul taglio delle emissioni di Co2» e investire gli stessi soldi su «innovazione e tecnologia».
Gli ambientalisti del Earth Institute dovrebbero però fare questo discorso proprio ai loro colleghi dell’Onu, che nell’ultimo rapporto sul global warming appena pubblicato sono tornati a parlare di Apocalisse e dei peggiori mali a cui la Terra sta per andare incontro a causa del surriscaldamento terrestre (che però nel frattempo si è misteriosamente fermato). In particolare, hanno lanciato questo monito: «Ci restano solo 17 anni per salvare la Terra». Alla faccia del cambio di comunicazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Menelik scrive:

    Normalmente, per ogni errore c’è un prezzo da pagare.

    17 anni per “salvare” la Terra? Allora Depo Provera, aborto e sterilizzazioni in cambio di aiuti economici.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana