Google+

«Sta arrivando la fine del mondo: mangiate broccoli». Il mea culpa degli ambientalisti: basta catastrofismo

aprile 22, 2014 Leone Grotti

Il più grande centro studi internazionale dedicato al clima e all’ambiente, The Earth Institute ammette: «Abbiamo sbagliato invocando l’Apocalisse»

«Abbiamo sbagliato». Oggi si celebra la giornata mondiale per salvare la Terra e il più grande centro studi internazionale dedicato al clima e all’ambiente, The Earth Institute della Columbia University, ha fatto un pubblico mea culpa per la gestione della comunicazione sui cambiamenti climatici.

«BASTA CATASTROFISMO». «Dove abbiamo sbagliato? La lotta al cambiamento climatico non fa progressi, l’opinione pubblica sembra confusa o stanca di questi allarmi, i governi perdono tempo. La colpa è anche nostra. Fin qui – spiega a Repubblica il direttore esecutivo dell’istituto di ricerca americano Steve Cohen – il messaggio era: sta arrivando la fine del mondo, mangiate spinaci e broccoli. Cioè, mi perdoni la battuta, da una parte c’era una profezia dell’Apocalisse; dall’altra una serie di conseguenze sgradevoli, in termini di comportamenti virtuosi da adottare».

SVILUPPARE LE RINNOVABILI. Secondo Cohen la comunicazione “alla Al Gore” per cui il mondo, a causa del surriscaldamento globale causato dall’uomo, sta per essere spazzato via da siccità, inondazioni, oceani acidi, tifoni, ghiacciai che si sciolgono e orsi polari che muoiono è errato. Bisogna piuttosto puntare «su una nuova strategia positiva» e spingere per «sviluppare le rinnovabili», un programma «al tempo stesso buono per l’ambiente, buono per le nostre tasche di consumatori, buono per la competitività delle imprese e l’occupazione».

GHIACCIAI DELL’HIMALAYA. In realtà, gridare all’Apocalisse non è solo sbagliato dal punto di vista della comunicazione ma anche da quello della realtà dei fatti. Lo stesso Ipcc (Commissione internazionale sul cambiamento climatico dell’Onu) ogni anno rimanda le stime sull’avvento dell’Apocalisse di qualche anno e solo nel 2013 ha cercato di spiegare il mistero della Terra che «non si surriscalda più». Per non parlare del dietro front sui ghiacciai dell’Himalaya, che avrebbero dovuto sciogliersi «entro il 2035».

DITELO ALL’ONU. Cohen ovviamente ha ragione a puntare sullo sviluppo delle rinnovabili. Come diceva a Tempi l’ambientalista scettico Bjorn Lomborg, «se l’energia solare o eolica fosse davvero competitiva, potremmo stare sicuri che nessuno punterebbe più sui carburanti fossili». Lo svedese proponeva di smettere di «fissarci sul taglio delle emissioni di Co2» e investire gli stessi soldi su «innovazione e tecnologia».
Gli ambientalisti del Earth Institute dovrebbero però fare questo discorso proprio ai loro colleghi dell’Onu, che nell’ultimo rapporto sul global warming appena pubblicato sono tornati a parlare di Apocalisse e dei peggiori mali a cui la Terra sta per andare incontro a causa del surriscaldamento terrestre (che però nel frattempo si è misteriosamente fermato). In particolare, hanno lanciato questo monito: «Ci restano solo 17 anni per salvare la Terra». Alla faccia del cambio di comunicazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Menelik says:

    Normalmente, per ogni errore c’è un prezzo da pagare.

    17 anni per “salvare” la Terra? Allora Depo Provera, aborto e sterilizzazioni in cambio di aiuti economici.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.