Google+

Spread&Parón, viaggio nel Nordest che cambia pelle. «Bisogna pensare fuori dagli schemi»

gennaio 21, 2013 Giovanni Ferrari

È uscito il nuovo libro di Marco Alfieri che racconta, numeri alla mano, il complesso scenario di una zona tra le più produttive d’Italia dopo l’avvento del nemico-spread.

È la storia di un Nordest ricco di contraddizioni e di sottili sfaccettature quella raccontata da Marco Alfieri in Spread&Parón, raccolta (pubblicata da Marsilio Editori) di numerosi articoli e reportages del giornalista varesino per La Stampa, il mensile IL, Il Sole 24 Ore e la rivista Nordesteuropa.it.

Il boom economico che, a partire dalla fine degli anni Sessanta, ha portato il Nordest (e in particolare il Veneto dei padroncini) ad una crescita produttiva senza pari sembrava portare a un punto di non ritorno dal quale era impossibile cedere, anche solo di un passo. Ma la storia è chiara a tutti, e non risparmia nessuno. Dieci anni di crescita limitata, quasi pari a zero, e una crisi mondiale che, con la forza di un uragano in costante aumento, ha portato con sé distruzione e smarrimento. Anche “la terra dei campanili e dell’individualismo” (come la definisce lo stesso Alfieri) si è trovata nel bel mezzo di una situazione assai complicata con la quale fare i conti.

Con la convinzione che spesso il declino economico nasca dall’incapacità di adattare un vecchio modello produttivo a una realtà profondamente mutata, Alfieri (che ha appena intrapreso una nuova esperienza lavorativa creando Link Book, una nuova casa editrice digitale) riporta alcuni esempi che confermano questa tesi: «Abbiamo inventato la pizza ma la catena mondiale è Pizza Hut, siamo i mobilieri più bravi ma la distribuzione la fa Ikea, siamo i migliori gelatai al mondo ma il colosso è Hagen Daz, siamo i re del caffè ma nel mondo lo ha commercializzato Starbucks». Sintetizzando, un’incapacità di industrializzare e terziarizzare le intuizioni produttive.

C’è qualcuno che, invece, ha fatto della propria intuizione un successo. Come la famiglia Zamperla, che è passata dal realizzare semplici giostre di paese fino ad avere clienti come la Disney, la Paramount e gli Universal Studios. Alla domanda di Alfieri riferita al segreto del suo successo, Alberto Zamperla non ha nessun dubbio: «Il segreto? Nient’altro che la passione. Lavorare, pensare fuori dagli schemi e l’innovazione come forma mentis».

Oppure la testimonianza di Alessandro Benetton, che al Meeting di Rimini dello scorso agosto ha affermato: «Bisogna vedere i momenti di crisi come opportunità di cambiamento, valorizzando i punti di forza».

Non è quindi detto che la crisi, atterrata su un Nordest in piena morfogenesi, debba avere per forza la meglio. Dicendolo con le parole dell’autore, «dietro il grande freddo dei numeri qualcosa comincia a muoversi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    fare un prodotto e commercializzarlo sono cose molto differenti. forse i nostri imprenditori dovrebbero capire che non possono fare tutto da soli e quindi coalizzarsi per un’integrazione nelle diverse fasi della filiera.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana