Google+

Spostare il baratro greco appena un po’ più in là. Danke, Germania

giugno 7, 2016 Rodolfo Casadei

Ha prevalso la linea tedesca del ministro delle finanze Schauble: cioè continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – E così quest’estate oltre alla crisi greca dei profughi (dirottata sull’Italia) l’Europa si risparmierà anche un’altra crisi greca del debito: l’accordo del 26 maggio fra i creditori della Grecia permetterà di versare ad Atene altri 10,3 miliardi di euro del programma di assistenza in cambio di altre draconiane misure di austerità, e la bancarotta alle viste per il prossimo mese di luglio sarà scongiurata.

Tuttavia si tratta dell’ennesimo accordo che non risolve il problema e che semplicemente rinvia il giorno in cui sarà necessario cancellare gran parte del debito greco oppure dichiarare default. Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha cercato di richiamare alla ragione i governi dell’Euro, evidenziando l’insostenibilità del debito ellenico nel medio periodo alle attuali condizioni, ma ancora una volta ha prevalso la linea tedesca del ministro delle finanze Schäuble, che è quella di continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto pur di non transigere sul divieto di salvataggio finanziario di un paese dell’eurozona con soldi degli altri paesi.

L’unica concessione che la Germania ha fatto al Fmi è stata quella di ammettere la possibilità di prendere in considerazione misure di alleggerimento del debito greco dopo una valutazione dei risultati del programma da effettuare nel 2018. Cioè dopo le elezioni politiche tedesche, fissate all’ottobre 2017. Intanto la Grecia si terrà la sua disoccupazione al 25 per cento e un andamento del servizio del debito che nel 2030 si porterà via il 20 per cento del suo Pil.

Alla Germania conviene l’unione monetaria senza vera unione fiscale (Schäuble la vuole su misura di Berlino) e quindi senza mutualizzazione del debito, e noi dobbiamo continuare a credere che questo è l’interesse dell’Europa.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. recarlos79 scrive:

    si può anche stampare moneta per pagare i debiti greci, ma questo paese deve strutturarsi per non continuare ad indebitarsi oltremisura. facile attaccare i cattivoni tedeschi ma guardiamoci anche noi
    e facciamo i conti con le nostre negligenze.

    • jens scrive:

      Infatti qui nessuno difende la Grecia o men che meno noialtri. Nessuno però dica che i tedeschi non hanno interessi nella crisi attuale: è chiaro a tutti che se l’Italia si riprendesse per la Germania sarebbero guai, perché avrebbero una concorrenza molto forte.
      Pertanto lo scopo è chiaro: non risparmiare niente alla Grecia per evitare che l’Italia avanzi pretese.

  2. Filippo81 scrive:

    Sinceramente non se ne può più di questa ue-eurozona manovrata dall’allegro trio Germania-Inghilterra-Francia…….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana