Google+

Sport e diritti umani, un braccio di ferro lungo sessant’anni

maggio 2, 2012 Daniele Ciacci

Gli Europei di Ucraina e Polonia rischiano pesanti defezioni se l’ex premier Yulia Tymoshenko non dovesse essere liberata. Ma non sarebbe la prima volta.

Sport e politica, da sempre, sono terreni soggetti a infiltrazioni. Dall’una e dall’altra parte. Rileggendo la storia dell’ultimo secolo, non si contano i boicottaggi, le mancate partecipazioni, i rinvii, quando non compaiono razzismi e attentati terroristici. Nel caso in cui si concretizzino le volontà di Angela Merkel e di molti eurodeputati di Bruxelles – che richiedono la liberazione dell’ex premier ucraino Yulia Tymoshenko –, gli Europei di giugno in Ucraina e Polonia infoltirebbero soltanto le spesse fila delle manifestazioni mutilate. La prima grande defezione della storia delle Olimpiadi risale al 1956. La competizione si svolse in Australia, a Melbourne. Spagna, Olanda e Svizzera decisero di non presentarsi in segno di protesta contro l’Unione Sovietica, che in quell’anno aveva occupato l’Ungheria, dichiaratasi repubblica indipendente. Egitto, Libano e Iraq non presero parte ai giochi per evitare tensioni in merito all’annoso problema del Canale di Suez.

Alle Olimpiadi di Montreal del 1976, la prima trasmissione a colori in Italia, la quasi totalità dei paesi africani non partecipò, dopo aver chiesto invano l’allontanamento della squadra di rugby neozelandese, che aveva appena partecipato a una tournée in Sudafrica, infrangendo il divieto di partecipare a manifestazioni sportive internazionali negli stati in cui vigeva l’apartheid. Il risultato dello sfiancante braccio di ferro si risolse con l’assenza alle Olimpiadi degli stati dell’africa del Centro-Nord.

Tra il 1980 e il 1984 toccò a Urss e Usa. Nel primo caso, fu Mosca a essere scelta per ospitare l’evento. In contemporanea, un’azione militare sovietica in Afghanistan provocava un milione e mezzo di morti. Gli stati del Medioriente boicottano l’evento, a cui si allinea l’America e, di conseguenza, il Canada, la Germania dell’Ovest e il Giappone. All’appuntamento successivo, a Los Angeles, l’Urss rispose con il boicottaggio generale di tutto il blocco sovietico – con l’unica eccezione della Romania.

Neppure la scorsa Olimpiade, Pechino 2008, è stata priva di polemiche. In quel periodo, infatti, il duro governo cinese attuava una politica di pesante repressione religiosa e culturale. Inoltre, il conflitto internazionale con il Tibet pesava sull’opinione pubblica occidentale. Francis Bayrou, candidato per le presidenziali francesi, aveva inserito nel programma di governo il boicottaggio dei Giochi. E mentre si attendono le Olimpiadi di Londra il prossimo luglio, le prove generali della polemica si fanno con gli Europei in Ucraina. Vedremo come andrà a finire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

Al Motor Bike Expo di Verona, dal 18 al 21 gennaio, Metzeler si presenta con una limited edition del suo pneumatico più custom: si chiama Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall

L'articolo Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall: più colore al custom proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download