Google+

Sport e diritti umani, un braccio di ferro lungo sessant’anni

maggio 2, 2012 Daniele Ciacci

Gli Europei di Ucraina e Polonia rischiano pesanti defezioni se l’ex premier Yulia Tymoshenko non dovesse essere liberata. Ma non sarebbe la prima volta.

Sport e politica, da sempre, sono terreni soggetti a infiltrazioni. Dall’una e dall’altra parte. Rileggendo la storia dell’ultimo secolo, non si contano i boicottaggi, le mancate partecipazioni, i rinvii, quando non compaiono razzismi e attentati terroristici. Nel caso in cui si concretizzino le volontà di Angela Merkel e di molti eurodeputati di Bruxelles – che richiedono la liberazione dell’ex premier ucraino Yulia Tymoshenko –, gli Europei di giugno in Ucraina e Polonia infoltirebbero soltanto le spesse fila delle manifestazioni mutilate. La prima grande defezione della storia delle Olimpiadi risale al 1956. La competizione si svolse in Australia, a Melbourne. Spagna, Olanda e Svizzera decisero di non presentarsi in segno di protesta contro l’Unione Sovietica, che in quell’anno aveva occupato l’Ungheria, dichiaratasi repubblica indipendente. Egitto, Libano e Iraq non presero parte ai giochi per evitare tensioni in merito all’annoso problema del Canale di Suez.

Alle Olimpiadi di Montreal del 1976, la prima trasmissione a colori in Italia, la quasi totalità dei paesi africani non partecipò, dopo aver chiesto invano l’allontanamento della squadra di rugby neozelandese, che aveva appena partecipato a una tournée in Sudafrica, infrangendo il divieto di partecipare a manifestazioni sportive internazionali negli stati in cui vigeva l’apartheid. Il risultato dello sfiancante braccio di ferro si risolse con l’assenza alle Olimpiadi degli stati dell’africa del Centro-Nord.

Tra il 1980 e il 1984 toccò a Urss e Usa. Nel primo caso, fu Mosca a essere scelta per ospitare l’evento. In contemporanea, un’azione militare sovietica in Afghanistan provocava un milione e mezzo di morti. Gli stati del Medioriente boicottano l’evento, a cui si allinea l’America e, di conseguenza, il Canada, la Germania dell’Ovest e il Giappone. All’appuntamento successivo, a Los Angeles, l’Urss rispose con il boicottaggio generale di tutto il blocco sovietico – con l’unica eccezione della Romania.

Neppure la scorsa Olimpiade, Pechino 2008, è stata priva di polemiche. In quel periodo, infatti, il duro governo cinese attuava una politica di pesante repressione religiosa e culturale. Inoltre, il conflitto internazionale con il Tibet pesava sull’opinione pubblica occidentale. Francis Bayrou, candidato per le presidenziali francesi, aveva inserito nel programma di governo il boicottaggio dei Giochi. E mentre si attendono le Olimpiadi di Londra il prossimo luglio, le prove generali della polemica si fanno con gli Europei in Ucraina. Vedremo come andrà a finire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana