Google+

Spiderman è tornato e niente è più come prima

giugno 22, 2012 Elisabetta Longo

Quando la coppia Sam Raimi/Tobey McGuire si è sciolta, la Sony non ha potuto fare altro che accettare la separazione. E rilanciare dicendo: non cerchiamo un regista che giri il quarto capitolo della saga di Spiderman, ma qualcuno che, con un nuovo cast, ricominci da capo. Detta così, sembra una follia. Eppure Marc Webb, il […]

Quando la coppia Sam Raimi/Tobey McGuire si è sciolta, la Sony non ha potuto fare altro che accettare la separazione. E rilanciare dicendo: non cerchiamo un regista che giri il quarto capitolo della saga di Spiderman, ma qualcuno che, con un nuovo cast, ricominci da capo. Detta così, sembra una follia. Eppure Marc Webb, il regista di 500 giorni insieme, è riuscito nell’impresa e The Amazing Spiderman è un film gradevolissimo, in cui la commedia romantica si alterna alla fantascienza e al dramma di un ragazzo orfano e con l’ingombrante dono dei superpoteri. La storia è un po’ diversa rispetto all’originale di Raimi e il Peter Parker interpretato da Andrew Garfield è nervoso e irruento, molto diverso dallo sguardo dolce che aveva Tobey McGuire. A fare la parte della sua fidanzata, qui, la nuova promettente star Emma Stone, che al momento sta dominando i red carpet di mezzo mondo e che pare abbia un flirt con l’attore protagonista, nella migliore delle tradizione delle saghe.

La storia prende il via quando Peter decide di capire cosa sia successo ai suoi genitori, che l’hanno affidato agli zii e sono partiti in fretta e furia. Ma le ricerche s’interrompono quando deve fare i conti con la famosa puntura di ragno prodigiosa e con gli effetti che questa ha sul suo corpo. Lo spettatore si diverte tanto quanto Peter a scoprire che può agilmente camminare sui muri, e come questo si ingegna a costruire uno sputaragnatele (il supereroe di Raimi invece aveva il sistema integrato nel braccio). A fare la parte del cattivo Rhys Ifans (il gallese di Notting Hill), che interpreta uno scienziato con il pallino dell’accoppiamento genetico di specie diverse, e anche il poliziotto che dà la caccia al vigilante mascherato, fraintendendolo come nemico della città, non scherza. La nuova operazione Spiderman, in uscita il 4 luglio, è promossa, non fa rimpiangere la precedente trilogia, anche se non se ne sentiva la necessità. Siamo sicuri che la tuta rossa e blu di Spiderman sarà ancora una volta il costume più desiderato dai bambini a Carnevale.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. fender80 scrive:

    Lo attendevamo tutti come il reboot più difficile dell’anno e così è stato. Il nuovo Spiderman di Marc Webb risulta non così distante dal precedente da renderlo accattivante come ci si aspettava. Purtroppo i fratelli minori soffrono sempre del paragone con il maggiore, perchè se fosse stato lui il primo della serie sarebbe stato eccezionale! Tuttavia, sebbene la scelta di Garfield risulti più “consona” all’immagine di un Peter Parker un po’ imbranato ma determinato, rispetto alla precedente versione “vorrei ma non posso” di Tobey Maguire, lo scenario più cupo e dark che ci si aspettava è stato macchiato dallo stesso Spiderman, poco riflessivo e molto spesso troppo scanzonato. Forse il tentativo è stato quello di renderlo simpatico ed esuberante come il Tony Stark di Robert Downey Jr? Beh il paragone non può tenere. Anche il tema dell’ “eroe per caso” che decide di prendersi a cuore la difesa del bene contro il male non è stato molto approfondito, lasciando lo spettatore alla sua libera interpretazione, o ancor peggio tenendolo legato ancora troppo al vecchio Uomo Ragno. Nulla da eccepire su cast ed effetti speciali, però per un rilancio di Spiderman in grande stile ci attendevamo qualcosa di più coraggioso. Non ci resta che confidare nel ritorno dell’Uomo Pipistrello!
    MM

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana