Google+

Spending review. Se il privato fa meglio dello Stato, perché non si ha il coraggio di cambiare l’Italia?

settembre 12, 2014 Matteo Rigamonti

Non basta un piano di risparmio sulle spese, ma c’è bisogno di una visione strategica. Il governo quando comunicherà la sua al Paese? Intervista all’economista Nicola Rossi (Istituto Bruno Leoni)

Cresce l’attesa per conoscere le misure di spending review al vaglio del governo Renzi. Il presidente del Consiglio, ospite da Bruno Vespa a Porta a porta, ha dichiarato che l’obiettivo di un piano da 20 miliardi di euro è quello di avere «non solo la manovra di tagli più grande mai fatta, ma anche denari da riutilizzare che possono essere messi, per esempio, per un miliardo nella scuola». Ma quanto saranno lontane le misure che adotterà l’esecutivo dal piano presentato dal commissario Cottarelli? E da dove deve partire una seria revisione della spesa? A rispondere alle domande di tempi.it è il professore di economia politica Nicola Rossi, anima dell’Istituto Bruno Leoni.

Rossi, secondo l’ex ministro Piero Giarda, incaricato della revisione della spesa durante l’esecutivo Monti, la spending review di Renzi «è solo un piano di risparmio sulle spese». È così?
È una descrizione corretta, se è vero tutto ciò di cui sentiamo il governo discutere in questi giorni, ovvero di una serie di tagli lineari imposti ai ministeri, ma senza volontà alcuna di decidere davvero come e dove risparmiare sulla spesa pubblica. A conferma del fatto che rottamare le persone è facile, un po’ meno le idee. Perché di tagli di questo tipo, purtroppo, se ne sono già visti fin troppi in passato.

Renzi, però, ha dichiarato che il governo «non sta facendo tagli lineari», come quelli che temono le Regioni sulla sanità pubblica. Di cosa necessita una seria spending review?
Una spending review autentica si connota per il suo carattere strategico. Non è soltanto un insieme di tagli, ma il ripensamento del complesso di attività, beni e servizi di cui uno Stato può farsi carico o meno. Per esempio, io credo che ci siano troppe università statali, forse sarebbe meglio lasciare spazio ai privati. Oppure, se il privato ha più successo nel collocamento, perché tenere in vita vecchie agenzie pubbliche? È di questo che si tratta, non di altro. È il ripensamento del ruolo dello Stato nell’economia.

È di questo che parla il piano Cottarelli?
Stando a quanto abbiamo letto finora sui giornali direi di sì e sembrerebbe trattarsi di una proposta molto ben fatta, professionalmente parlando. Riduzione delle municipalizzate e revisione della spesa sociale sono, ormai, aspetti imprescindibili. Certo, se il governo avesse messo online quel testo, come aveva lasciato intendere promettendo più trasparenza in materia di spending review, sarebbe stato molto meglio. Forse è un segno che anche la maggioranza di governo ancora non è pronta per fare una vera revisione della spesa.

Bisogna fare prima le riforme strutturali o la spending review?
La spending review, in termini strategici, è una riforma strutturale imprescindibile. Abbiamo disperatamente bisogno dell’una e dell’altra cosa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Le aziende strategiche ,però,è meglio restino ,parzialmente, in mano allo Stato, La sovranità monetaria deve invece ritornare ai vari Stati dell’eurozona,Assurdo e tirannico che sia in mano ad una Spa come la bce, situazione che ci sta portando verso il baratro.

  2. Clo scrive:

    Concordo

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana