Google+

Spagna, scagionato il medico accusato di 115 aborti illegali

febbraio 8, 2013 Benedetta Frigerio

Carlos Morin, il medico milionario accusato di aver ucciso in maniera feroce e contro la legge bambini di 22 settimane, è stato dichiarato innocente.

Fu accusato di ben 115 aborti avvenuti su bambini di 5 mesi e mezzo quasi del tutto formati e grandi circa una ventina di centimetri. Il suo nome è Carlos Morin che in Catalonia ha sfruttato il business delle cliniche private abortiste trasformandosi da immigrato peruviano a medico milionario.

FILMATI ORRIBILI. A fermare il ginecologo erano state alcune registrazioni, ma sopratutto filmati orribili, fatti circolare dalla stampa danese. Morin prendeva i corpi dei bambini e li gettava nelle apparecchiature dell’ospedale usate per triturare i polli e i maiali morti usati dai veterinari tirocinanti. Infine, le prove della contraffazione dei moduli per le pratiche abortive e dei test psicologici, compilati dallo staff del medico anziché dai pazienti. Fra i testimoni alcuni dipendenti che hanno dichiarato di non «aver agito di proposito contro le donne, ma con la preoccupazione di mantenere il business».

LA SENTENZA. Dunque 115 aborti, avvenuti in maniera violenta, contro la legge che li permette fino a 22 settimane, a cui sono preceduti illeciti amministrativi gravi e a cui sono seguiti i trituramenti dei cadaveri. Eppure Carlo Morin è stato scagionato dal magistrato della prima corte d’appello che ha ignorato la legge che parla del limite di 22 settimane, stabilendo che «ogni gravidanza indesiderata va considerata di per sé un rischio per la salute della donna». Mentre le pratiche falsificate sono state definite solo come «irregolarità superficiali». Infine, si legge nella sentenza, accusare Morin di aver usato «macchinari per lo smaltimento delle carcasse dei polli e dei maiali» sarebbe da considerarsi «ossessivo», dato che è normale buttare il «materiale biologico rimanente».
La vicenda non si fermerà qui. L’accusa ha intenzione di ricorrere a tutti i gradi d’appello, impugnando la sentenza di fronte al Supremo Tribunale di Spagna e, se fosse necessario, alla Corte di Giustizia Europea.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Se si potesse indagare anche in Italia chissà cosa salterebbe fuori. Ma non si può.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana