Google+

Sovraffollamento carceri. «Nonostante lo stato di emergenza, nessuno fa nulla»

gennaio 29, 2013 Redazione

Denuncia del Sappe (sindacato polizia penitenziaria). «Poco o nulla è stato fatto per risolvere le criticità. E anche il governo Monti ha le sue responsabilità»

«Questa mattina contavamo 65.945 persone detenuti, 63.124 uomini e 2.821 donne, nelle oltre 200 carceri italiane costruite per ospitarne regolarmente circa 45mila». Lo ha detto Donato Capece, segretario generale del Sappe (Sindacato autonomo polizia penitenziaria). «Tutte le regioni italiane vedono presenti più detenuti rispetto alla capienza regolamentare, con i conseguenti disagi ai detenuti e all’operatività dei poliziotti. Le tre regioni con il maggior numero di detenuti sono Campania (8.280 persone rispetto ai 5.974 posti), Lazio (7.071 presenti a fronte di 4.834 posti) e Sicilia (7.106 per 5.555 posti)».

«Mi sembra evidente – ha aggiunto Capece – che nonostante lo stato di emergenza nazionale decretato dalla presidenza del Consiglio tre anni fa, poco o nulla è stato fatto per risolvere le criticità. E anche il governo Monti ha le sue responsabilità. Oggi abbiamo più del 36 per cento dei detenuti in attesa di un giudizio, 24mila stranieri in cella, un detenuto su tre tossicodipendente, il lavoro penitenziario che è un miraggio perché lavorano pochissimi detenuti e 6.000 poliziotti in meno negli organici. Stare chiusi in cella 20-22 ore al giorno, senza far nulla, nell’ozio e nell’apatia, alimenta una tensione detentiva nelle sovraffollate celle italiane fatta di risse, aggressioni, suicidi e tentativi suicidi, rivolte ed evasioni che genera condizioni di lavoro dure, difficili e stressanti per le donne e gli uomini della polizia penitenziaria».

«Che impatto hanno avuto le riforme della Severino? Anche la scelta dei “tecnici” per la guida dell’Amministrazione penitenziaria è risultata fallimentare e incapace di risolvere i problemi penitenziari».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. bacco scrive:

    nonostante tutto, l’opinione pubblica se ne frega, perché passa bene l’idea che i carcerati debbano pagare, e peggio si ritrovano meglio è.
    L’ignoranza è spaventosa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana